decathlon
decathlon

Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

Intervista

Seifeddine Manaï, la danza tunisina in scena a Bologna

Rivoluzione = Giovani al loro posto

_dsc8222.jpg

BOLOGNA – Lo scorso 4 settembre il festival Danza Urbana, in programma sino a sabato 8, che da sedici anni anima strade e piazze del capoluogo emiliano è stato inaugurato dalla tunisina Cie Brotha from another Motha. Capeggiato dal venticinquenne Seifeddine Manaï, l’ensemble, per la prima volta in Italia, ha presentato presso una delle porte papaline "And So! & Alors!", creazione commissionata da La Ferme du Buisson-Scène National di Parigi e ispirata alla Rivoluzione Tunisina.

Manaï, come è riuscito a rendere in danza la ‘Primavera Araba’ e in particolare la Rivoluzione del suo paese?

Per And So! & Alors! sono partito dal fatto che in Tunisia la politica delle arti impone ai giovani di passare dai maestri per imparare. Anch’io ho avuto questo percorso: mi sono formato nel mio paese prima di partire per la Francia. Grazie alla Rivoluzione, però, i giovani hanno trovato il loro posto. La Rivoluzione significa che i giovani hanno preso la loro piazza! E adesso è il momento di tenere questo posto! Fare il danzatore è molto difficile in Tunisia. Ho voluto lavorare con dei danzatori tunisini proprio perché volevo trasmettere loro ciò che mi è mancato durante la mia formazione in Tunisia. Lavorando in Europa ho avuto i mezzi per tornare a lavorare nel mio paese, costituire una compagnia e quindi trasmettere.

Cos’ha significato la caduta di Ben Alì per gli artisti? Quali sono stati i suoi effetti sulla danza tunisina?

La danza era ben sostenuta dal regime di Ben Alì, ma solo alcuni, aderenti al sistema, potevano e avevano i mezzi per creare. Dopo la Rivoluzione sono apparsi moltissimi artisti che prima non erano liberi di esprimersi. Adesso la Tunisia pullula di artisti. E così è stato possibile anche ideare progetti sulla Rivoluzione. Ognuno sceglie liberamente come trattare l’argomento. Io all’inizio sono stato ispirato dal soggetto. Poi mi sono spinto più verso il movimento, la danza e la fisicità del corpo. I volti, le strade, le piazze, sono state le mie prime fonti ispiratrici e alla fine la ‘Rivoluzione’ è divenuta un “couleur pour la pièce”.

In Europa, tra la Francia e il Belgio, ha collaborato con varie compagnie, come Les Ballets C. de la B. e Ultima Vez. Che significato hanno avuto questi incontri nel suo percorso?

Sono arrivato in Europa come danzatore e questi incontri sono stati determinati dalla mia scelta di andare verso quei generi. Il loro lavoro mi ‘parlava’ e così ho trovato delle connessioni con la poetica di Ultima Vez e de Les Ballets C. de la B. Mi hanno nutrito e mi hanno reso maturo.

In Tunisia la danza contemporanea non ha tradizione. La mia prima formazione è stata al Ballet National de Tunisie dagli 8 ai 15 anni. Dopo ho lavorato con il Sybel Ballet Théâtre e da lì ho preso i contatti con gli artisti tunisini che lavorano nei festival europei. Volevo partire per fare questo mestiere e così sono venuto in Europa A breve inizierò a lavorare con danzatori tunisini e europei per una nuova creazione sulla trance e sul suo significato nel mondo occidentale e in quello arabo. Adesso siamo in residenza in Tunisia, Belgio e Canada ancora non so dove debutterà lo spettacolo.

07/09/2012

Carmelo Antonio Zapparrata

Stampa l'articolo Torna indietro

Pro e contro

NID Giorno 1.Tra autorità e ospiti dal mondo

Il report della giornata inaugurale

nid_opening_2_.jpg

GORIZIA Primo serrato ma puntuale feed back dalla NID Nuova Piattaforma della Danza Italiana, giunta quest'anno alla sua quarta edizione.

continua a leggere...

>

News

Al via Danae: diciannovesima edizione

foscarini_vocazione_gabriel_henr_quez_d_niz_2_bassa.jpg

MILANO La diciannovesima edizione di Danae Festival, dopo un’anteprima che si è realizzata il 14 e 15 settembre presso Triennale/Teatro dell’Arte, avrà luogo dal 24 Ottobre al 12 Novembre, in 9 luoghi della città di Milano, presentando 19 spettacoli tra danza e teatro.

Continua a leggere...

>

News

Parte la NID Platform a Gorizia

nid_conferenzastampa_banner2.jpg

GORIZIA Tra poche ore al via la IV edizione di NID Platform. In programma da oggi 19 ottobre sino a domenica 22, lo showcase della danza "Made in Italy" per questa edizione si prospetta mitteleuropeo e transfontraliero. Gli spettacoli in programma, infatti, andranno in scena tra tre teatri di Gorizia (Teatro Comunale G. Verdi, Kulturni Dom e Kulturni Center Lojze Bratuž) e il Teatro Nazionale di Nova Gorica.

Continua a leggere...

 

>

News

La bellezza di stupirà: ultima tappa del focus Enzo Cosimi di MilanOltre

Allo spazio NonostanteMarras il 21 e 22 ottobre

labellezzati_stupira_cosimi_milanoltre.jpg

MILANO L’ultimo spettacolo del focus dedicato a Enzo Cosimi dal festival MilanOltre, La bellezza ti stupirà, va in scena nel bellissimo contesto dello spazio di Antonio Marras, NonostanteMarras. Il 21 e 22 ottobre h. 21

Continua a leggere...

 

>