Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

Intervista

Alessandro Riga destinazione Madrid

Il talentuoso ballerino calabrese nuovo principal della Compania Nacional de Danza

foto_maggio_danza_alessandro_riga_etoile_ospite_residente_in_serata_sacra.jpg

FIRENZE.La notizia è importante e significativa, per tanti motivi. Alessandro Riga è nuovo Bailarin Principal della Compania Nacional de Danza di Madrid, diretta da José Martinez. Perchè significativa? Perchè Alessandro, talento riconosciuto della danza nazionale,e fino a sabato prossimo etoile ospite principale di MaggioDanza ( e per questo in scena al Teatro Comunale di Bologna in Coppélia di Giorgio Mancini) ha sempre voluto, fortissimamente voluto fare il danzatore in Italia.

“ Non si può dire che non ci abbia provato, in tutti i modi – dice, catturato al volo, a pochi minuti dalla ufficializzazione della nomina madrilena- Ho sempre desiderato restare qui, mi sono intestardito a lavorare in Italia anche contro il parere di tanti. Ma, come vedi, è impossibile.”

La decisione di guardare oltre i confini nazionali è arrivata a fine primavera: “ Quando a Firenze è iniziato tutto il macello. A MaggioDanza avevo trovato la mia casa ideale. Con Francesco Ventriglia si stava configurando un progetto artistico in cui mi riconoscevo perfettamente. Questa sarebbe dovuta essere una stagione incredibile: dovevano tornare Preljocaj, Forsythe, consolidarsi il rapporto con Sylvie Guillem... e invece....A quel punto ho deciso e ho scritto a José Martinez, che mi ha fatto andare subito all' audizione. E oggi è stata ufficializzata la nomina”.

Con effetto immediato, addirittura. “Infatti dovrei iniziare subito, la prossima settimana. Il repertorio della CND ha esattamente tutti i grandi autori che voglio danzare: quest'anno ci sarà anche Mats Ek, oltre a Naharin, Forsythe, Gallili, Kylian. Ma ci sarà anche il classico. La Compania infatti, anche su sollecitazioni del Ministero della Cultura spagnolo, deve recuperare il repertorio ballettistico: per ora, visto che il numero dei danzatori non è grandissimo, Martinez pensa a suites – Raymonda, Paquita e così via- e poi ci saranno allestimenti completi. Senza scordare il neoclassico, da Balanchine in poi.”

Insomma tutto quello che un danzatore classico di oggi può desiderare: “ Posso dire una cosa? Per carattere volo sempre basso, cerco di essere con i piedi per terra. Ma questa volta sono oroglioso di me! Sono molto contento anche perchè la città è bellissima, molto nelle mie corde.

Avevo già fatto un'esperienza all'estero, a Dresda, quando ero molto giovane. Forse lo ero troppo ed è stata un'esperienza complicata, soprattutto nella vita quotidiana. Oggi invece sono entusiasta. E sono arrivato a capire che bisogna andare dove l'arte ci chiama.” 

17/09/2013

Silvia Poletti

Stampa l'articolo Torna indietro

News

Sharon Eyal in Emilia con "OCD Love" e "Love Chapter 2"

2_ocd_love_photo_by_regina_brocke.jpg
FERRARA La Stagione di danza del Teatro Comunale di Ferrara si chiude con un appuntamento davvero particolare, che congiunge idealmente i teatri di Ferrara e Modena, le due città che per la prima volta ospitano in Emilia Romagna Sharon Eyal, riconosciuta nel panorama internazionale come una delle più sorprendenti e inventive coreografe del giorno d'oggi. Il 24 marzo al Comunale di Ferrara con ODC Love e il 26 marzo al Pavarotti di Modena con il sequel "Love Chapter 2".
 
Continua a leggere...
 

 

>

News

La Butterfly in danza con Monica Casadei

Prima nazionale al Verdi di Pisa il 29 marzo

butterfly_colori_proibiti_ph_vincenzo_cerati.jpg

PISA La danza appassionata e sensibile di Monica Casadei torna in scena al Verdi con la prima italina di Butterfly colori proibiti interpreato da Artemis Danza, venerdì 29 marzo ore 21.

Continua a leggere...

 

>

Pro e contro

La Danza Italiana. Materia di convegno

All'Università di Bologna dal 28 al 30 marzo

auditjpg.jpg

BOLOGNA Annunciato a suo tempo è ora pronto in dettaglio il programma del convegno La Danza in Italia nel Novecento e oltre curato da Elena Cervellati e Giulia Taddeo dell'Università di Bologna. Artisti, docenti universitari, studiosi, critici e operatori di tutta Italia e oltre in una tre giorni per delineare le linee, le criticità, le potenzialità e unicità dell'arte come si è espressa dal Novecento ad oggi nel nostro Paese.

Continua  a leggere...

>

Pro e contro

"Act of mercy" di Antonello Tudisco

_dsc2514_copy.jpg

NAPOLI Per la stagione “Stabile Danza” del Teatro Mercadante, il coreografo Antonello Tudisco. di Interno5, mette in scena un lavoro sulla ricerca della pietà nel tempo presente: "Act of mercy".

Continua a leggere...

 

>