Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

News

"Robot!" fantasia futurista o realtà?

il nuovo spettacolo di Blanca Li a Civitanova e Bolzano

blanca_li_robot_photofoto_magali_bragard_3_small_.jpg

Andalusa, Blanca Li dopo gli studi a New York presso la Martha Graham Dance School si è trasferita in Francia, dove ha avviato la sua attività coreografica. Ma da cittadina del mondo qual è ha siglato progetti e direzioni in ogni parte del mondo: al Metropolitan di New York ha curato l’opera Don Giovanni, al Ballet de l’Opéra de Paris i balletti Les Indes Galantes e Shéhérazade, ha poi diretto il Corpo di Ballo dell’Opera di Berlino nella stagione 2001/2002 e il Centro Andaluz de Danza di Sevilla dal 2006 al 2010.

Non meno effervescente la sua attività con la compagnia che porta il suo nome per altro non sempre legata a progetti canonici di danza contemporanea. In Macadam Macadam gli interpreti erano pirotecnici danzatori hip hop mentre in Elektro Kif giovani electrodancers scovati nella banlieue parigina.

Con Robot! – sua quattordicesima creazione per la compagnia – si è concessa una fantasia futurista e una rilfessione attualissima: l’interazione possibile (ormai inevitabile?) tra l’intelligenza umana e quella artificiale. Lo ha fatto portando in scena otto danzatori della sua compagnia, sei sofisticatissimi robot umanoidi realizzati dall’azienda francese leader del settore Aldebaran Robotics e stravaganti macchine sonore low tech del collettivo artistico nipponico Maywa Denki. I robottini umanoidi di Aldebaran si chiamano NAO, sono alti cinquantotto centimentri e danzano e camminano come bimbi dall’equilibrio ancora incerto. Dinoccolati e tenerissimi conquistano subito la scena costringendo i danzatori a confrontarsi con loro, piccoli “replicanti”. Le macchine di Maywa Denki sono invece poetici assemblaggi sospesi tra il retrò e il techno dove resine e alluminio dalle forme stravaganti diventano la serie di strumenti musicali Tsukuba (vere e proprie opere d’arte) ispirata da più tradizionali chitarre, sax e percussioni. Automi a loro volta che emanano però suoni attraverso un sistema eletromeccanico messo in moto da umani.

Lo spettacolo è il frutto di questo mélange apparentemente improponibile: un racconto animato mosso dalla razionalità, dal desiderio e dalla curiosità di un incontro. Un gran bazar seducente e ritmato che lancia questioni sempre più attuali: “quale confine tra uomo e macchina? Potranno mai i robot sostituirsi alla natura umana? Potranno mai coltivare un’idea artistica?”

19/07/2013

la redazione

Stampa l'articolo Torna indietro

News

The White Crow. Il Nureyev di Ralph Fiennes

Il film sulla fuga di Nureyev in distribuzione dal 25 luglio

fiennes.jpg

Già nelle sale europee, arriverà solo in piena estate in Italia The white crow, il film che Ralph Fiennes ha dedicato alla fuga in esilio di Nureyev, che è molto piaciuto all'anteprima del Torino Film Festival.

Continua a leggere...

>

News

A Londra e Mosca brillano gli scaligeri

Due inviti eccellenti per il Ballo milanese

nicoletta_manni_timofej_andrijashenko_ph_brescia_e_amisano_teatro_alla_scala_k65a0714_x.jpg

MILANO Lo stesso giorno su due palcoscenici leggendari per il balletto mondiale due giovani stelle milanesi danzano accanto a compagnie prestigiose.

Continua a leggere...

>

News

15 nuovi autori selezionati per la "Vetrina"

Saranno in scena a Ravenna dal 12 al 14 settembre

sguotti2piero_tauro.jpg

RAVENNA Ecco le selezioni alla prossima Vetrina Giovane Danza d'Autore del Network Anticorpi XL: 15 creazione saranno ospiti a Ravenna dal 12 al 14 settembre.

Continua a leggere...

>