Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

read Danza e Danza International read Danza e Danza International read Danza e Danza International

News

Prospettiva Danza Teatro si parte il 23 settembre

Nuove danze in tre sedi della città di Padova

bermudas_mk_n_4_andrea_macchia.jpg

PADOVA Slittata da aprile a settembre, l’edizione 2020 del festival Prospettiva Danza Teatro va in scena ora dal 23 al 27 del mese. Ancora una volta la 22esima edizione  diretta da Laura Pulin celebra i nuovi linguaggi della danza in tre sedi della città: il Salone del Palazzo della Ragione, il Cortile di Palazzo Moroni e il Piccolo Teatro Don Bosco.

Il programma vede protagoniste sei compagnie: aprirà il 23 settembre il nostro 'Premio Danza&Danza produzione italiana 2019' Graces di Silvia Gribaudi al Piccolo Teatro Don Bosco, mentre a Palazzo della Ragione si alterneranno performance con cifre stilistiche estremamente differenti fra loro. Il 24 settembre andrà in scena la Compagnia mk diretta dal coreografo Michele Di Stefano, con un altro Premio Danza&Danza: il vorticoso Bermudas.

A seguire una serata dedicata ai giovani coreografi emergenti e al vincitore del Premio Internazionale Prospettiva Danza 2019 Adriano Bolognino. Il 26 settembre tocca a Spellbound Contemporany Ballet e il giorno successivo alla C&C Company. Novità di questa edizione la collaborazione tra l’Orchestra di Padova e del Veneto e con la Compagnia COB-Opus Ballet che nella serata conclusiva del Festival porteranno in scena Le Quattro Stagioni di Vivaldi con la coreografia di Aurelie Mounier, in prima nazionale. Nel Cortile di Palazzo Moroni, infine, la performance di Spaziodanza Padova e della Crew di Hip Hop del noto ballerino Etienne

Il 18 ottobre alle ore 18 presso la Sala del Ridotto del Teatro Verdi, sarà la volta della 11° edizione del Premio Internazionale Prospettiva Danza promosso dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e Banca Etica, in collaborazione con il Circuito Regionale Arteven e la direzione artistica di Laura Pulin, che ne è l’ideatrice. Il Premio intende sostenere la ricerca e promuovere creatività e talento, aiutando coreografi residenti in Italia e all’estero a realizzare e presentare il proprio lavoro al pubblico. Il premio consiste in 5.000 euro a sostegno della produzione e una residenza artistica di una settimana per il gruppo vincitore. Quest’anno l’adesione al concorso è stata ancora superiore alle edizioni precedenti con 149 lavori di danzatori provenienti da Spagna, Israele, Polonia, Bulgaria, Russia, Francia, Giappone, Taiwan, Cina, Canada, India, Messico, Danimarca, Belgio oltre che dall’Italia. Il concorso, infatti, è ormai internazionalmente riconosciuto come un’importante occasione per giovani coreografi e danzatori di presentare le proprie creazioni di fronte a una giuria di comprovata esperienza internazionale, composta da coreografi, direttori artistici, direttori di teatri e operatori del settore.

 

mk in "Bermudas" (foto Andrea Macchia)

 

11/09/2020

la redazione di D&D

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Stampa l'articolo Torna indietro

News

"Paradigma" al posto di "Jewels" con due entrate in repertorio

Cambio di programma al Bayerisches Staatsballett

sunyata_cook_ryzhkova_480.jpg

MONACO DI BAVIERA Il Bayerisches Staatsballett annuncia un cambio di programma per novembre. Niente Jewels di Balanchine, come anticipato, a causa della instabile situazione Covid e delle norme di sicurezza messe in campo per la tutela dei danzatori. Andrà invece in scena Paradigma, un  trittico con due nuove entrate in repertorio a firma Sharon Eyal/ Gai Behar e Liam Scarlett. Inoltre viene ripreso un titolo di McGregor.

Continua a leggere...

>

News

Si sogna a Padova

Diciassettesima edizione del Festival curato da Gabriella Furlan Malvezzi

hotelcortemarchesinipadova.jpg

PADOVA Edizione numero 17 per la rassegna di danza curata da Gabriella Furlan Malvezzi per La Sfera Danza. Ecco il cartellone degli appuntamenti.

Continua a leggere...

>

News

Alla Lavanderia a Vapore residenze in resilienza

Si riprende il lavoro di ricerca nel centro piemontese

unnamed_1_.jpg

TORINO Alla Lavanderia a Vapore di Collegno si prepara il futuro, prossimo e anteriore, con le residenze artistiche che vedono tornare nuovamente dance makers italiani e stranieri.

Continua a leggere...

>