Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

read Danza e Danza International read Danza e Danza International read Danza e Danza International

News

Armonie d'Arte Festival con Alessandra Ferri

UPDATE. Con Ferri Federico Bonelli al posto di Watson

alessandra_ferri_c_andrei_uspenskj_media.jpg

BORGIA (CZ) La resilienza e uno sguardo sul futuro possono fare la differenza. Così Armonie d’Arte Festival rilancia i suoi obiettivi e si rafforza, nonostante il momento storico di grande difficoltà.

“Esserci” nella bellezza è la parola d’ordine di questa particolare edizione del festival, in programma dal 12 al 28 agosto, che coincide con i venti anni di una realtà che ha scelto da sempre come sua cifra essenziale il binomio inscindibile di estetica e etica. 

Il cartellone, articolato tra musica, teatro, danza consolida una vocazione ampia e inclusiva che ha come comune denominatore la bellezza che salva. "Sarà un festival all’insegna del rilancio – spiega Chiara Giordano, ideatore e direttore artistico del Festival - una grande sfida per la Fondazione, un nuovo concept che si sintetizza nel titolo di quest’anno, ‘Nuove rotte mediterranee’. Scenario speciale, come sempre, il Parco Archeologico Scolacium di Roccelletta di Borgia, in provincia di Catanzaro, concesso dal Mibact-Direzione Regionale dei Musei, sito d’eccellenza dell’intera area meridionale, un luogo di pietre millenarie tra ulivi secolari dove “il tempo passa, e rimane”.

Due gli appuntamenti di danza. Il 23 agosto è attesa la Compagnie Hervé Koubi, ensemble con interpreti provenienti da Francia, Italia, Palestina, Bulgaria, Marocco, Algeria, Israele. Il coreografo-direttore, di origine algerina, in parallelo con studi in biologia e farmacia, si è dedicato alla danza formandosi al Centre International de Danse Rosella Hightower e poi all’Opéra de Marseille. A Scolacium presenta LES NUITS BARBARES ou le premiers matins du monde, un’opera dedicata al tema dell'origine della cultura mediterranea.

Il 27 agosto, invece, l'appuntamento è con la stella del balletto mondiale Alessandra Ferri, che arriva accompagnata dall’ecclettico virtuoso del violino Alessandro Quarta. Per il festival una produzione esclusiva dal titolo Corpus Anima. Con lei Edward Watson, Principal del Royal Ballet impegnato anche in un solo di Javier de Frutos, e tre giovani danzatori classico-contemporanei: l’italiano Giacomo Rovero, ventiduenne padovano vincitore del Grand Prix di New York e ora al Royal Ballet, James Pett e Jordan James Bridge dalla compagnia dell’innovativo e poliedrico coreografo Wayne McGregor. In programma After the Rain di Christopher Wheeldon a Le Parc di Angelin Preljocaj, Senza tempo di Fang-Yi-Sheu, taiwanese, già danzatrice di spicco nella Martha Graham Dance Company. Da vedere!

 

Foto di apertura: Alessandra Ferri ritratta da Andrei Uspenskj

 

11/08/2020

la redazione di D&D

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Stampa l'articolo Torna indietro

News

"Paradigma" al posto di "Jewels" con due entrate in repertorio

la pandemia costringe il Bayerisches Staatsballet a cambi di programma

sunyata_cook_ryzhkova_480.jpg

MONACO DI BAVIERA Il Bayerisches Staatsballett annuncia un cambio di programma per novembre. Niente Jewels di Balanchine,  come anticipato, a causa della instabile situazione Covid e delle norme di sicurezza messe in campo per la tutela dei danzatori. Andrà però in scena Paradigma, un  trittico con due nuove acquisizioni per il repertorio a firma Wayne McGregor, Sharon Eyal/ Gai Behar e Liam Scarlett.

Continua a leggere...

>

News

Si sogna a Padova

Diciassettesima edizione del Festival curato da Gabriella Furlan Malvezzi

hotelcortemarchesinipadova.jpg

PADOVA Edizione numero 17 per la rassegna di danza curata da Gabriella Furlan Malvezzi per La Sfera Danza. Ecco il cartellone degli appuntamenti.

Continua a leggere...

>

News

Alla Lavanderia a Vapore residenze in resilienza

Si riprende il lavoro di ricerca nel centro piemontese

unnamed_1_.jpg

TORINO Alla Lavanderia a Vapore di Collegno si prepara il futuro, prossimo e anteriore, con le residenze artistiche che vedono tornare nuovamente dance makers italiani e stranieri.

Continua a leggere...

>