decathlon
decathlon

Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

Intervista

Emil Faski firma al Verdi di Trieste una nuova "Salomé"

Con il Balletto del Teatro Mariisnkij

faski.jpg

Grande attesa per un programma inizialmente siglato dalla musica di Stravinskij per un “classico” del repertorio ‘900, "Apollo", baluardo dello stile essenziale e di calligrafica purezza di George Balanchine, ripreso per l’occasione da Francia Russell. Nella seconda parte va in scena "La tragédie de Salomé", coproduzione tra la Fondazione lirica triestina e il Mariinskij, sul libretto di Robert d’Humières e musica di Florent Scmitt. Alla rappresentazione coreografica cui la celebre danzatrice Loie Fuller diede vita per la prima volta nel 1907 a Parigi, seguì un secolo fa la realizzazione de Les Ballets Russes con protagonista Tamara Karsavina e coreografia di Boris Romanoff. Oggi, una versione inedita curata da un nuovo autore, il russo Emil Faski, farà il suo debutto in Italia sulle scenografie di Pier Paolo Biseri reinterpretando la tragedia efferata e la figura leggendaria di Salomé.

Mr. Faski, da una carriera internazionale tra Monte-Carlo e Amburgo cosa spinge la sua virata verso la coreografia?

“Nel 2007 ho cercato di creare per la prima volta e non mi è piaciuto. Mi sentivo ‘messo a nudo’. Essendo un introverso, non potevo immaginare un pubblico che analizzasse i miei gusti, desideri, preferenze. Ma il mio mondo interiore era pieno di fantasie che mi spingevano ad esprimermi. Alcune ambizioni ‘sopite’ hanno giocato un ruolo in esso significativo. Creare è molto stimolante ma è al contempo una grande responsabilità”.

Lei è impegnato anche con molte prestigiose compagnie, quali sono stati i passi più importanti?

“Alcune parole per diventare coreografo. E’ possibile poter acquisire competenze, ma non un gusto, sentimenti e afflato. Non si può fingere in questo mestiere o nascondersi perché la scena scopre il vero comunque. Ho molti ricordi meravigliosi, ad esempio Jerome Marchand era mio collega alla scuola de Les Ballets de Monte-Carlo. Lui e suo padre, un costumista designer professionista, hanno progettato i costumi per il mio balletto ‘Simple Things’ per il ‘Festival Mariinskij’ nel 2010”.

Come si presenta la sua “Salomé”?

“Ho cercato di esprimere in scena le emozioni, esattamente quelle che trasmette la musica, costruendo una nuova struttura della performance come drammaturgo e coreografo”.

Qual è il volto del Balletto del Mariinskij di oggi?

“Il Mariinskij Ballet include molte stelle e possiede un enorme potenziale. E’ una compagnia proiettata verso l’Arte. Accanto a prestazioni classiche si può vedere oggi anche il repertorio contemporaneo come ‘La Sagra della Primavera’ di Sasha Waltz. Credo che, qualsiasi coreografo sarebbe felice di lavorare con questa compagnia che può trasmettere e interpretare tutto ciò che le viene chiesto”.

26/05/2013

Elisabetta Ceron

Stampa l'articolo Torna indietro

News

In-Between, la mostra fotografica di Rita Antonioli

Alla Triennale dal 13 al 23 dicembre

mg_6834_ritaantonioli.jpg

MILANO Rita Antonioli ha sempre guardato al palcoscenico come al suo mondo d’elezione. Dopo aver esplorato la scena musicale in B-Side Music Portraits (prefazione di Patti Smith), una collezione di ritratti dei più importanti artisti internazionali, Antonioli ha deciso negli ultimi due anni di indagare c i personaggi che animano le stagioni di Triennale Teatro dell’Arte: registi, attori, coreografi e danzatori. Da stasera in mostra, opening alle h. 18.

Continua a leggere...

 

 

>

News

Un grande albero per Schiaccianoci

La versione di George Balanchine approda alla Scala

george_balanchine_s_the_nutcracker_bozzetto_di_una_scena_di_margherita_palli_copia.jpg

MILANO Per la prima volta in Italia, Lo Schiaccianoci di George Balanchine entra nel repertorio del Balletto del Teatro alla Scala, inaugurando la stagione 2018/2019. Dal 16 dicembre al 15 gennaio, undici recite del capolavoro natalizio del maestro russo-americano dedicato all'infanzia che vede in scena oltre al Corpo di ballo 61 piccoli allievi dell'Accademia della Scala.

Continua a leggere...

>

News

La Magnifica fabbrica: 240 anni di Teatro alla Scala

Una bella mostra al Museo della Scala fino al 30 aprile

dsc05668_museo_teatrale_alla_scala_cr_andrea_martiradonna.jpg

MILANO Ha aperto il 4 dicembre (visitabile fino al 30 aprile) la mostra “La magnifica fabbrica – 240 anni del Teatro alla Scala da Piermarini a Botta” a cura di Fulvio Irace e Pierluigi Panza al Museo Teatrale e nel Ridotto dei Palchi.

Continua a leggere...

>

News

Dance: The Art of Movement

Il calendario più fashion dedicato alla danza

51ahyksd7gl._sy498_bo1_204_203_200_.jpg

Cerchi un regalo superfashion per Natale? Per tutti gli appassionati il pensiero più bello è il calendario 2019 firmato da New York Dance Project contenente i magnifici scatti ai più grandi danzatori internazionali di Deborah Ori e Ken Browar.

Continua a leggere...

>