Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

News

Alessandra Ferri incontra il pubblico a Milano il 27 marzo

Fondazione Milano per la Scala apre l'evento a tutti

methode_sundaytimes_prod_web_bin_8a2ff822_0e87_11e9_91a3_048178fed2f6.jpg

MILANO La Fondazione Milano per la Scala ha organizzato per il 27 marzo alle ore 18,00 al Ridotto dei palchi Arturo Toscanini del Teatro alla Scala un incontro pubblico con Alessandra Ferri (ingresso fino ad esaurimento posti). Una conversazione con un'artista dal carisma unico per cui la danza è intimamente connessa alla vita.

Condotto dal critico di danza e regista Francesca Pedroni, autrice del documentario Alessandra Ferri - l'interiorità della danza prodotto da Classica HD, l'incontro è l'occasione per percorrere la carriera internazionale dell'étoile italiana, a Milano in occasione dell'allestimento scaligero il 7 aprile di Woolf Works, capolavoro di Wayne McGregor dedicato al mondo di Virginia Woolf che vede Ferri protagonista fin dal debutto londinese nel 2015.

Étoile internazionale, Alessandra Ferri ha iniziato il suo percorso formativo alla Scuola di Ballo della Scala, per concludere i suoi studi alla Royal Ballet School di Londra. La sua carriera, sbocciata quando era giovanissima al Royal Ballet, l'ha vista trasformarsi dai primi anni Ottanta in poi nelle eroine tragiche di Kenneth MacMillan, Manon e Giulietta, danzare all'American Ballet Theatre chiamata da Baryshnikov, diventare prima ballerina assoluta della Scala dal 1992 al 2007. Ha dato volto a personaggi come Giselle, Carmen, Marguerite Gautier per la firma di maestri della coreografia come Roland Petit, John Neumeier, ha danzato titoli di William Forsythe, svettato in capolavori di Jerome Robbins, John Cranko e molti altri. All'apice della carriera, nel 2007, lascia le scene, commuovendo il Teatro alla Scala con un'indimenticabile Dame aux Camélias di John Neumeier al fianco di Roberto Bolle.

Sei anni lontana dal palcoscenico e poi, nel 2013, a cinquant'anni, il ritorno. Spettacoli intimi, da camera come Chéri di Martha Clarke, nato a New York e danzato insieme al Principal Dancer dell'American Ballet Theatre Herman Cornejo, o come TrioConcertDance, un viaggio magnetico dentro la musica e la danza ideato e interpretato con Cornejo e il pianista Bruce Levingston, ma anche creazioni come Duse di John Neumeier e Woolf Works di Wayne McGregor, un successo internazionale cheFerri riprende ora in Scala con lo stesso partner con cui il balletto nacque a Londra, Federico Bonelli, Principal Dancer italiano del Royal Ballet. Un balletto rivoluzionario sul rapporto tra letteratura e movimento, danza e narrazione. 

 

19/03/2019

la redazione

Stampa l'articolo Torna indietro

News

The White Crow. Il Nureyev di Ralph Fiennes

Il film sulla fuga di Nureyev in distribuzione dal 25 luglio

fiennes.jpg

Già nelle sale europee, arriverà solo in piena estate in Italia The white crow, il film che Ralph Fiennes ha dedicato alla fuga in esilio di Nureyev, che è molto piaciuto all'anteprima del Torino Film Festival.

Continua a leggere...

>

News

A Londra e Mosca brillano gli scaligeri

Due inviti eccellenti per il Ballo milanese

nicoletta_manni_timofej_andrijashenko_ph_brescia_e_amisano_teatro_alla_scala_k65a0714_x.jpg

MILANO Lo stesso giorno su due palcoscenici leggendari per il balletto mondiale due giovani stelle milanesi danzano accanto a compagnie prestigiose.

Continua a leggere...

>

News

15 nuovi autori selezionati per la "Vetrina"

Saranno in scena a Ravenna dal 12 al 14 settembre

sguotti2piero_tauro.jpg

RAVENNA Ecco le selezioni alla prossima Vetrina Giovane Danza d'Autore del Network Anticorpi XL: 15 creazione saranno ospiti a Ravenna dal 12 al 14 settembre.

Continua a leggere...

>