Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

read Danza e Danza International read Danza e Danza International read Danza e Danza International

Intervista

Sotto il nome di Pinocchio tre realtà toscane in joint venture

Giardino Chiuso, Opus Ballet e Versiliadanza per la prima asoluta il 16 marzo

99.jpg

FIRENZE Una vera e propria joint venture per la nuova produzione dedicata a Pinocchio, in scena al Teatro Goldoni in prima assoluta il 16 e 17 marzo sotto l'accogliente ala della Fondazione del Maggio Musicale Fiorentino (mentre la Fondazione Fabbrica Europa è tra i coproduttori).

Tre realtà artistiche tra teatro e danza attive in Toscana – la compagnia Giardino Chiuso diretta da Tuccio Guicciardini e Patrizia de Bari, l'Opus Ballet diretto da Rosanna Brocanello e Versiliadanza diretta da Angela Torriani Evangelisti- si sono unite nel progetto produttivo che si pone come sfida quella di offrire una chiave di lettura nuova, tra danza, prosa e video, del racconto di Collodi: “Personalmente ho una vera passione per Pinocchio – ci racconta Tuccio Guicciardini, chiamato a curare la drammaturgia e la regia dello spettacolo-. Il mio debutto teatrale, alle elementari, è stato proprio con lui. E' una figura affascinante, misteriosa, ricca di chiavi di lettura inesauribili. Per noi toscani, innanzi tutto, è affascinante ancora oggi per la sua toscanità, con tutti i riferimenti alle usanze delle nostre campagne, il gergo e le parole del nostro vernacolo. Poi, andando oltre la superficie c'è il mistero di questo personaggio: la sua purezza rivelata dalla manifestazione delle sue emozioni senza filtri, il suo istinto innocente che lo fa muovere tra i vari personaggi pronti a manovrarlo e ingannarlo. La sua ingenuità mi ha rimandato alle parole di Von Kleist sul teatro delle marionette, mi ha fatto pensare a un semidio calato da un altrove. Questo pezzo di legno che vuole farsi marionetta ( se ci pensiamo scaccia Mastro Ciliegia e si affida alle mani di Geppetto che gli dà vita) è insomma il simbolo dell'opera e dell'artista: creatura pura che osserva e attraversa la realtà e la reinterpreta attraverso la propria visione dell'esistenza.”

Così tra le parole di Von Kleist, ma anche di Goethe, Meyerchold, Hugo e Rilke e lo stesso Collodi -interpretate da un decano del teatro nazionale, Virginio Gazzolo, l'avventura di questo spettacolo si snoda tra virtuale e reale: “ Giochiamo su due livelli- continua Guicciardini- in una chiave metateatrale. Ci aiutano le proiezioni video di Andrea Montagnani, che rimandano alla eimmagini della prima edizione di Pinocchio del 1881. Sono immagini in bianco e nero, che ricordano quei disegni a china e potenziano l'idea di una storia assoluta, senza tempo, simbolica.”

“La danza- aggiunge la coreografa Patrizia de Bari - fa da tessuto connettore. Con i dieci danzatori di Opus Ballet abbiamo lavorato alla ricerca e caratterizzazione dei personaggi individuando dei movimenti specifici e riconoscibili per ciascuno. Molti degli episodi del racconto saranno riconoscibili, ovviamente, ma senza entrare nel decsrittivismo. Abbiamo cercato di mantenere questa fluidità tra storia e metafora anche nella coreografia che richiama ma non racconta in senso pieno. Pinocchio è interpretato da Tamara Aydinyan, una danzatrice della compagnia armena NCA Small Theatre che da anni collabora con Versiliadanza. E' proprio la sua speciale qualità di movimento, così diversa rispetto allo stile agli altri interpreti, che enfatizza la chiave di lettura che abbiamo voluto dare a questo Pinocchio 'estraneo e straniero'.”

Non nasconde la sua soddisfazione Rosanna Brocanello che ha coordinato il progetto fin dai suoi primi momenti: “ E' nato in maniera del tutto casuale – racconta-una sera a cena, ci siamo ritrovati a manifestare il desiderio di lavorare insieme e immediatamente è venuta fuori l'idea. Ci auguriamo che sia l'inizio di una bella avventura.”

foto S. Abrescia

 

12/03/2019

s.p.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Stampa l'articolo Torna indietro

News

Si apre oggi il giardino dell'EDEN di Bolzano Danza

La 36esima edizione del Festival in versione one to one

20200713bolzanodanza_eden_provecarlson_phandreamacchia_0546.jpg

BOLZANO È il paradiso terreste, il giardino meraviglioso dove avvenne l’incontro tra i primi due esseri umani, il focus di Bolzano Danza 2020. EDEN – Danza per uno spettatore è un’edizione singolare e unica pensata dal direttore artistico Emanuele Masi nel cuore della pandemia da Coronavirus come ‘alternativa creativa’ a quanto precedentemente pianificato. Un progetto nato dalla felice collaborazione di Emanuele Masi con artisti che negli anni sono stati colonne portanti del Festival come Michele Di Stefano e Rachid Ouramdane, ospiti come autori e curatori della sezione Outdoor, e Carolyn Carlson, regina e poetessa della danza mondiale, artista di riferimento a cui è stata dedicata l’edizione 2012 del Festival intitolata Generations sul tema dell’eredità culturale e la filiazione artistica.

Continua a leggere...

 

>

News

Al Massimo le danze ripartono con Beethoven

Una novità di Bombana con 4 amate giovani stelle scaligere

palermo_la_stagione_estiva_2020_del_teatro_massimo.jpg

PALERMO Anche la danza nella stagione estiva appena inaugurata dal Teatro Massimo. 

Continua a leggere...

>

News

Due Leonesse alla Biennale

La Ribot e Claudia Castellucci premiate a Venezia

unnamed_1_.jpg

VENEZIA Annunciati dalla direttrice artistica del settore danza della Biennale Marie Chouinard gli assegnatari che riceveranno il prestigioso riconoscimento. Due donne.

Continua a leggere...

>