decathlon 2019
decathlon 2019

Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

Intervista

A Vienna quest'anno si danza con Andrey Kaydanovskij

L'ex solista del Wiener Staatsballett firma le danze del Concerto del primo gennaio.

valzero.jpg

VIENNA Russo, figlio d’arte - padre attore e madre ballerina - Andrey Kaydanovskiy è il giovane coreografo del Concerto di Capodanno del Wiener Philarmoniker diretta quest'anno da Christian Thielemann (trasmesso in differita da Rai2 e Rai5)

Classe 1986, già membro del Wiener Staatsballett, è un talento in ascesa per una carriera ancora da raccontare come le storie che ama portare alla luce attraverso il linguaggio del corpo, del teatro e del cinema. Il suo praticantato è anche televisivo, ha lavorato presso la ORF (radiotelevisione nazionale austriaca) che gli ha consegnato l’edizione 2019 dell’evento in mondovisione del primo gennaio, e ha già firmato delle coreografie per la sua compagnia. 

“Il mio primo lavoro per Vienna - racconta - è stato Zeitverschwendung, il secondo, Ugly Duckling, che ritorna a distanza di cinque anni nella stagione in corso. Non è facile portare avanti le proprie idee! Cerco di uscire il più possibile dalla mia comfort zone, ma non è semplice affermare il nuovo in questo ambito”. 

La sua prima elaborazione coreografica è del 2009, Drei unbekannte per tre uomini a cui segue Love song caratterizzato da un movimento-lotta fino a Tea or Coffee che vince un Premio nella sua Mosca. Una storia quotidiana dai risvolti tragici. E ha firmato anche un pezzo a serata intera, Feuervogel.

Oggi lo attende una prova importante grazie ai contributi coreografici della nota manifestazione girati la scorsa estate in alcuni luoghi della capitale austriaca, l’Opera e lo Schloss Egg: insieme a lui, cinque coppie del Wiener Staatsballett, in testa gli italiani Alice Firenze e Davide Dato, con la principal Olga Esina in coppia con Jakob Feyferlik. I brani coreografati saranno il valzer Vita d'artista e le czardas dall'unica opera di Strauss figlio Ritter Pazman.

“Ho avuto a disposizione un intero team e la possibilità di usare effetti televisivi, slow motion, sovrapposizioni di immagini, ma è stato molto complicato realizzare quello che chiedevo. Esco ‘sobrio’ da questo progetto, perché ovviamente c’è stata a monte la richiesta di mantenersi nel solco della tradizione. I luoghi e la musica mi sono stati indicati in partenza e mi è stato chiesto che la coreografia andasse in una certa direzione. Ciò nonostante, spero che il primo gennaio la gente rimanga sorpresa e sobbalzi di fronte alla mia danza. I miei punti forti? Pantomima, emozione e semplice complessità."

28/12/2018

Elisabetta Ceron

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Stampa l'articolo Torna indietro

News

Addio ad Alicia Alonso

La celebre ballerina cubana si è spenta a 98 anni

alicia_alonso.jpg

CUBA E' giunta ora in redazione la notizia del decesso di Alicia Alonso (21 dicembre 1920- 17 ottobre 2019), la stella cubana che grazie all'appoggio di Castro potè fondare la scuola del Ballet Nacional de Cuba e fare della compagnia di balletto dell'isola una delle istituzioni gioiello del regime, oltre a garantirle un primato mondiale per la grande qualità tecnica e interpretativa dei suoi danzatori.

Continua a leggere...

>

News

La Bellezza al centro di Exister 19

Parte il 19 ottobre il festival milanese

taikokia_32_by_luciano_onza.jpg
MILANO Al via la dodicesima edizione del Festival Exister, dal 19 ottobre al 15 dicembre negli spazi di DanceHaus Susanna Beltrami e Teatro Fontana.
 
Continua a leggere...
 


 
 
>

News

Per Elisabetta, la sala dell'Opera

Inaugurata a suo nome la sala ballo in occasione di Don Chisciotte

_yasuko_kageyama_img_5035_web.jpg

ROMA. In concomitanza con la ripresa del Don Chisciotte, in scena da stasera, un omaggio all'indimenticabile Elisabetta Terabust.

continua a leggere...

>

News

In esclusiva al Teatro Biondo "Palermo Palermo", il film

il 3 novembre

palermo2_piero_tauro.jpg

PALERMO Palermo Palermo di Pina Bausch torna al Teatro Biondo, dove aveva debuttato trent’anni fa, in una inedita versione cinematografica, che sarà presentata in esclusiva mondiale il 3 novembre, alle 20.00, nel corso di una giornata dedicata a Pina Bausch nel decennale della scomparsa.

Continua a leggere... 

 

>