Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

News

Un grande albero per Schiaccianoci

La versione di George Balanchine approda alla Scala

george_balanchine_s_the_nutcracker_bozzetto_di_una_scena_di_margherita_palli_copia.jpg

MILANO Per la prima volta in Italia, Lo Schiaccianoci di George Balanchine entra nel repertorio del Balletto del Teatro alla Scala (seconda compagnia europea a interpretarlo dopo Copenhagen), inaugurando la stagione 2018/2019. Dal 16 dicembre al 15 gennaio, undici recite del blockbuster natalizio del maestro russo-americano che vede in scena oltre al Corpo di ballo 61 piccoli allievi dell'Accademia della Scala.

“Tutti mi chiedono perché voglio fare Lo Schiaccianoci. Non è che lo 'voglio' fare. E' che rientra nei miei compiti costruire un repertorio. Per me fare teatro, fare balletti, significa soprattutto intrattenere e far divertire il pubblico. Prima non potevo farlo perché non avevo un teatro, un'orchestra, denaro. Mi avevano proposto di farne una versione breve, anni fa, ma rifiutai: “se lo farò - risposi - sarà nella sua integralità e sarà una produzione molto costosa. E una delle cose più importanti sarà l'albero. L'albero è la vera star dello spettacolo!”. Così parlava George Balanchine alla nascita del suo Schiaccianoci, nel 1954 a New York.

Una versione, la sua, che porta tante memorie dell'edizione originale di Lev Ivanov (ballata da giovane al Mariinsky) e che la Scala riprende con un nuovo allestimento - di concerto con il Balanchine Trust - a firma di Margherita Palli. Partendo dalla tradizione romantica, Palli ha rivisto il mondo fatato attraverso i colori di Maxfield Parrish, artista americano specializzato in raffinate illustrazioni che giocano con il fiabesco e i sogni, creando scenografie dipinte. Per i costumi, invece, ha ristudiato i personaggi originali. L'azione si svolge all'inizio del XIX secolo.

Nei ruoli principali della Fata Confetto e del Cavaliere si alterneranno Nicoletta Manni-Timofej Andriashenko (16,20,29 dicembre, 4, 12 gennaio), Martina Arduino-Nicola Del Freo (19,30 dicembre, 10, 15 gennaio), Caterina Bianchi-Mattia Semperboni (3 e 12 gennaio).

Sul podio a dirigere l'orchestra scaligera il Maestro Michail Jurowski, specialista del repertorio russo, già più volte apprezzato a Milano. La produzione inpegna anche il Coro di Voci Bianche dell'Accademia del Teatro alla Scala.

www.teatroallascala.org 

12/12/2018

la redazione

Stampa l'articolo Torna indietro

Pro e contro

"Act of mercy" di Antonello Tudisco

_dsc2514_copy.jpg

NAPOLI Per la stagione “Stabile Danza” del Teatro Mercadante, il coreografo Antonello Tudisco. di Interno5, mette in scena un lavoro sulla ricerca della pietà nel tempo presente: "Act of mercy".

Continua a leggere...

 

>

News

FOG si allarga al DiD Studio con tre giovani proposte

IL 25 e 26 marzo con Giovanfrancesco Giannini, Collettivo Munerade e Salvo Lombardo

fog_giovanfrancesco_giannini_datamigration_1_ph_antonia_treccagnoli.jpg

MILANO Secondo appuntamento ideato da FOG 2019 in coproduzione con il DiD Studio di Ariella Vidach, partner prezioso del Triennale Teatro dell’Arte, per presentare al pubblico milanese alcune tra le più interessanti proposte della giovane danza italiana. In scen ala DiD Studio Fabbrica del Vapore il 25 e 26 marzo (dalle h.20) tre prime assolute all’insegna della ricerca. 

Continua a leggere...

>

News

"Sagra della primavera" e "Stabat Mater" di Edward Clug con il Balletto di Maribor

Al Sociale di Como il 29 marzo

stabat_mater.jpg

COMO Il Balletto del Teatro Nazionale Sloveno di Maribor diretto da Edward Clug è ospite al Teatro Sociale di Como con un dittico tra sacro e profano firmato dal direttore. In scena Le sacre du printemps di Igor Stravinsky e lo Stabat Mater di Pergolesi, venerdì 29 marzo h. 20.30.

Continua a leggere...

 

>

News

What we are: piattaforma coreografica a Udine

Candidature entro il 7 aprile

web_wwa_solo_foto_orrizzontale_kopie_1_.jpg

UDINE Scade il 7 aprile la open-call per la piattaforma coreografica What We Are rivolta ad autori e interpreti della scena contemporanea nazionale ed estera, in programma il 5 maggio al Teatro S. Giorgio di Udine, firmata dall’ADEB, Associazione Danza e Balletto, in collaborazione con Comune di Udine, CSS-Teatro Stabile di Innovazione F.V.G. e il nostro magazine. 

Continua a leggere...

 

>