decathlon 2019
decathlon 2019

Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

News

Un grande albero per Schiaccianoci

La versione di George Balanchine approda alla Scala

george_balanchine_s_the_nutcracker_bozzetto_di_una_scena_di_margherita_palli_copia.jpg

MILANO Per la prima volta in Italia, Lo Schiaccianoci di George Balanchine entra nel repertorio del Balletto del Teatro alla Scala (seconda compagnia europea a interpretarlo dopo Copenhagen), inaugurando la stagione 2018/2019. Dal 16 dicembre al 15 gennaio, undici recite del blockbuster natalizio del maestro russo-americano che vede in scena oltre al Corpo di ballo 61 piccoli allievi dell'Accademia della Scala.

“Tutti mi chiedono perché voglio fare Lo Schiaccianoci. Non è che lo 'voglio' fare. E' che rientra nei miei compiti costruire un repertorio. Per me fare teatro, fare balletti, significa soprattutto intrattenere e far divertire il pubblico. Prima non potevo farlo perché non avevo un teatro, un'orchestra, denaro. Mi avevano proposto di farne una versione breve, anni fa, ma rifiutai: “se lo farò - risposi - sarà nella sua integralità e sarà una produzione molto costosa. E una delle cose più importanti sarà l'albero. L'albero è la vera star dello spettacolo!”. Così parlava George Balanchine alla nascita del suo Schiaccianoci, nel 1954 a New York.

Una versione, la sua, che porta tante memorie dell'edizione originale di Lev Ivanov (ballata da giovane al Mariinsky) e che la Scala riprende con un nuovo allestimento - di concerto con il Balanchine Trust - a firma di Margherita Palli. Partendo dalla tradizione romantica, Palli ha rivisto il mondo fatato attraverso i colori di Maxfield Parrish, artista americano specializzato in raffinate illustrazioni che giocano con il fiabesco e i sogni, creando scenografie dipinte. Per i costumi, invece, ha ristudiato i personaggi originali. L'azione si svolge all'inizio del XIX secolo.

Nei ruoli principali della Fata Confetto e del Cavaliere si alterneranno Nicoletta Manni-Timofej Andriashenko (16,20,29 dicembre, 4, 12 gennaio), Martina Arduino-Nicola Del Freo (19,30 dicembre, 10, 15 gennaio), Caterina Bianchi-Mattia Semperboni (3 e 12 gennaio).

Sul podio a dirigere l'orchestra scaligera il Maestro Michail Jurowski, specialista del repertorio russo, già più volte apprezzato a Milano. La produzione inpegna anche il Coro di Voci Bianche dell'Accademia del Teatro alla Scala.

www.teatroallascala.org 

12/12/2018

la redazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Stampa l'articolo Torna indietro

News

Esami con lode all'Accademia della Scala

Venti diplomati con ottimi voti

foto_diplomati1.jpg

MILANO Si è concluso l'anno accademico con i tradizionali esami di fine corso. Venti i diplomati di quest'anno.

continua a leggere...

>

News

A Matera artisti e filosofi alla ricerca del Petrolio

Un progetto culturale sull'uomo del nuovo millennio

matera.jpg

MATERA In occasione delle celebrazioni per la Capitale Europea della Cultura Matera ospita un articolato progetto di arte e pensiero con molti coregrafi e performer.

Continua a leggere...

>

News

Tanti debutti per il ritorno della Bella

Alla Scala il balletto dei balletti dal 26 giugno

la_bella_addormentata_nel_bosco.jpg

MILANO Molti debutti per il ritorno del capolavoro del balletto classico nella versione di Nureyev che nacque proprio alla Scala nel 1966.

Continua a leggere...

>