Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

Intervista

Aspettando il Bolshoi.Vladislav Lantratov e Maria Alexandrova coppia superstar

Il Premio Danza & Danza migliore interprete 2013 sarà Petruccio alla Scala accanto a Krysanova

laurencia_tbilisi_2017_cover.jpg

INTERVISTA PUBBLICATA SU DANZA & DANZA 278 GEN/FEB 2018

Lei è una ballerina appassionante. Tecnica, temperamento, personalità, bellezza: una vera stella, tra le più luminose apparse al Teatro Bolshoi nelle ultime due decadi. Donna determinata e combattiva, lo scorso anno ha annunciato - evidente stato di un malessere che non nasconde - il suo prematuro ritiro dalla compagnia prontamente, ma solo in parte ridimensionato, scatenando sconcerto globale.

Lui è affascinante, di rara eleganza, ma con un fuoco passionale che può trasformarlo ora in un palpitante eroe romantico ora in un selvatico contadino: sempre però con quella irresistibile dose di carisma che gli consente di tenere in scacco la platea più esigente. Sono Maria Alexandrova e Vladislav Lantratov. A Danza&Danza parlano con sincerità del loro legame in scena e nella vita.

Cos'è che amate di più nel danzare al Bolshoi?
VLADISLAV: Le produzioni sul palcoscenico storico, sia di Grigorovich che in generale. Nessun altro teatro al mondo ha questo repertorio.
MARIA: All'inizio ciò che mi ha conquistato era la sua dimensione e struttura. Qui non ci sono limiti se non il cielo, tutto dipende dal tuo talento e a quale livello sei in grado di arrivare.

E l'aspetto più duro del lavoro, qui?
MARIA: La gente. L’amministrazione e il direttore.
VLADISLAV: Sono d'accordo, non ho niente da aggiungere.

Vi siete incontrati in teatro?
MARIA: Io sono entrata in compagnia prima di Vladislav e abbiamo lavorato molto insieme prima che iniziasse la nostra storia. Quando ho iniziato a danzare, i primi ballerini dell'epoca mi chiamavano come loro partner. È successo con Nikolai Tsiskaridze e Sergei Filin. Erano i miei compagni, con loro preparavo ruoli e debutti: insieme abbiamo condiviso molti successi e qualche fallimento. Quando i miei due partner hanno iniziato a diradare le loro presenze in scena Vladislav, un artista emergente su cui si puntava molto, è apparso sempre di più nella mia vita. Portare un nuovo artista in una produzione già rodata è sempre difficile perché tu la conosci già a menadito e l'hai provata e riprovata con altri ballerini. Si tratta allora di mettere da parte tutte le cose già acquisite perché inevitabilmente si scontrano esperienza e inesperienza: cosa normalissima perché la nostra professione si crea sul palcoscenico, non a scuola. Quando si deve ricominciare a provare una produzione da capo, e come se la imparassi di nuovo. Ho deciso di prendere i miei rischi e affrontare con lui il repertorio. È stato bello e mi sono sentita bene a lavorare con lui: da allora abbiamo danzato molti titoli insieme.

Lavorare insieme in scena aiuta nella vita privata e viceversa?
VLADISLAV: Penso assolutamente di sì. Le nostre sensazioni reciproche sono diverse a casa e in teatro e ogni volta ci scopriamo da prospettive diverse. È una gioia lavorare con Maria proprio perché tra noi c'è questa unione spirituale.
MARIA: Per me Vladislav è un dono immenso. Ho iniziato a rendermene conto soprattutto dopo che a causa di un infortunio mi sono sentita più vulnerabile. L'incidente, che capitò quattro anni fa, è stato molto serio. Ho dovuto imparare nuovamente a camminare. Improvvisamente mi sono trovata a essere solo una persona senza una professione, senza entrate, senza un mondo. Mi sono sentita terribilmente sola. Ed è una grande gioia quando le persone in quei giorni bui ti offrono un po' di calore umano che ti aiuta a sconfiggere la solitudine. Capisco che tutti sono impegnati con il lavoro ma l'unica persona che si è preoccupata per me è stato Vladislav, e all'epoca eravamo ancora amici. Una volta mi ha telefonato: “Torna in scena, è noioso qui senza di te”. Ed è stata la molla per riprendermi: finalmente sentivo che almeno per qualcuno ciò che facevo era importante.
VLADISLAV: Questo è il tuo punto di vista. Dal mio devo dire che tutti gli uomini della troupe l'hanno sempre rispettata e Maria è stata e ancora è in un posto speciale all'interno della gerarchia del Bolshoi perché è una delle ultime rappresentanti della pura scuola moscovita, che combina femminilità, bellezza e carattere: ha un ampio spettro di ruoli che può tranquillamente interpretare. È una persona vera, viva, non una di quelle ballerine folli e maniacali che vivono da vestali. Ama la vita e si comporta in modo appropriato. Molte persone sono venute a trovarti in ospedale e per gli uomini della compagnia era importante che Masha tornasse.
MARIA: L'infortunio mi ha portato a vedere in maniera diversa un molte di cose.

In che senso?
MARIA: Tagliare il superfluo e valutare ciò che era veramente importante. Per esempio ho capito che per essere felici non c'è poi bisogno di molte cose.

 

C'è qualche titolo che amate danzare insieme?
MARIA: La cosa più importante è danzare insieme. Per noi è preziosa ogni occasione di farlo.
VLADISLAV: Ogni spettacolo è una storia diversa. Non posso paragonare uno spettacolo con Maria a qualsiasi altro danzato con un'altra ballerina. È il migliore possibile perché è genuino.

Cucinate?
VLADISLAV: Sì, in genere insieme. Siamo come due chef in cucina, facciamo e sperimentiamo tutto insieme.
MARIA: Il che spesso ci fa perdere tempo in chiacchere...
VLADISLAV: Sì ma fare le cose insieme è divertente.
MARIA: In effetti per noi parlare e fare delle cose insieme è molto prezioso.

Quali sono i vostri sogni per il futuro?
MARIA: Desidero la felicità di Vlad.
VLADISLAV: E io lo stesso: la cosa più importante è che Maria sia felice, nella sua vita, nella sua professione. E che siamo felici insieme.
MARIA: Ma siamo insieme: la parte più importante è fatta!

 

 

 

 

30/08/2018

Catherine Pawlick

Stampa l'articolo Torna indietro

News

A Modena si danza tra classico, divi e novità

Da oggi la nuova stagione del Comunale Pavarotti

modena02ok.jpg

MODENA Si inaugura con il Progetto Bach di Aterballetto una stagione che offre un ampio ventaglio di scelte. Con l'aggiunta di divi.

Continua a leggere...

>

News

TrioConcertDance a Londra fa sold out al nuovo Linbury

Le dieci date che inaugurano la sala rinnovata della ROH sono esaurite

af_bl_hc_trio_concertdance_copyright_roberto_ricci.jpg

LONDRA Partito da Parma tre anni fa il progetto di Alessandra Ferri, Herman Cornejo e Bruce Levingston inaugura oggi la seconda sala della Royal Opera House.

Continua a leggere...

>

News

Viaggio d'Inverno con Preljocaj

Attesa creazione per la compagnia scaligera in prima il 24 gennaio

winterreise_angelin_preljocaj_le_prove_in_sala_ph_brescia_e_amisano_teatro_alla_scala_29_.jpg

MILANO C'è attesa per la novità assoluta che Angelin Preljocaj ha immaginato per 12 danzatori del Balletto del Teatro alla Scala. Il suo Winterreise sarà un viaggio nelle emozioni tutto da scoprire, in scena a partire dal 24 gennaio (repliche fino al 9 marzo) con anteprima il 23 per la Fondazione Rava, con il ricavato devoluto all'ospedale pediatrico Saint Damien di Haiti.

Continua a leggere...

>

News

X EDIZIONE PREMIO PROSPETTIVA DANZA TEATRO PADOVA

bando di partecipazione aperto sino al 15 marzo

casette_premio_prospettiva_danza_teatro.jpg

E' online il bando di partecipazione per la X edizione del progetto di residenze coreografiche Prospettiva Danza Teatro. In palio premi in denaro del valore di 7.000 euro.

Continua a leggere...

>