decathlon
decathlon

Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

News

B.motion, vetrina di tendenze

A Bassano del Grappa dal 22 al 26 agosto

camilla_monga.jpg

BASSANO Un festival inserito in un altro festival, B.motion, vetrina delle più originali esperienze artistiche in ambito performativo, oltre che sintesi dell'intenso lavoro che impegna il CSC/Centro per la Scena Contemporanea durante tutto l'anno, è la punta di diamante di OperaEstate Festival.

Un progetto che apre ai nuovi linguaggi, che sostiene artisti emergenti, che lega il nome della città di Bassano all’impegno costante per lo sviluppo, la ricerca, l’innovazione nelle arti performative.

Tutto il programma di B.motion 2018 è ispirato al tema principale del festival “Dei conflitti e delle civiltà”, filo rosso che artisti e compagnie da ogni parte del mondo interpreteranno con le loro differenti sensibilità, offrendo visioni, aprendo squarci sui conflitti del contemporaneo e sulle multiple declinazioni di civiltà.

La Danza è in cartellone dal 22 al 26 agosto e saranno presentati spettacoli in prima nazionale, speciali commissioni, creazioni generate o selezionate da progetti internazionali partecipati dal festival, a partire dagli artisti di Aerowaves, la piattaforma condivisa da istituzioni di 34 paesi dell’Europa geografica, con il greco Christos Papadopoulos, la norvegese Ingrid Berger Myhre e il francese Filipe Lourenço.

Grande rilievo al più innovativo panorama nazionale, con artisti sostenuti da quella fucina per la scena contemporanea che è ormai da 10 anni la Casa della Danza di Bassano - da Chiara Bersani, a Daniele Ninarello, Andrea Costanzo Martini, Siro Guglielmi, Camilla Monga, Francesca Pennini e il CollettivO CineticO. Straordinaria la presenza di 4 coreografe tra le più interessanti della scena internazionale: dagli Usa Nora Chipaumire con #Punk ispirato a Patti Smith, dal Canada Melanie Demers con il nuovo Danse Mutante, l’israeliana Iris Erez sull’influenza del déplacement e la norvegese Simone Aughterlony con un’Odissea contemporanea.

Sempre più connesso alla città, B.Motion commissiona a tre coreografi - Andrea Costanzo Martini, Yaara Moses e Ido Batash - creazioni speciali, ogni giorno diverse, per abitare quattro spazi urbani.

Affidato invece all’italiana Francesca Foscarini, il nuovo progetto coreografico dedicato ai parkinson dancers di Dance Well, mentre l’israeliano Ari Teperberg avvicina la danza ai non udenti.

 

Nella foto Camilla Monga

10/08/2018

Maria Luisa Buzzi

Stampa l'articolo Torna indietro

News

Motus alla ricerca dell'origine del linguaggio

Prima assoluta a Chiusi per la compagnai delle sorelle Cieri

il_duomo_con_il_loggiato_del_palazzo_vescovile_chiusi_siena._autore_e_copyright_marco_ramerini_620x330.jpg

CHIUSI. Debutto assoluto al Festival orizzonti d'Arte del nuovo lavoro della formazione senese guidata da Simona e Rosanna Cieri.

continua a leggere

>

News

Anche Ravello ricorda Rudy

Tra i protagonisti dal gala Coviello, Virna Toppi e Petra Conti

ravello_festival_2017_schedule_and_tickets_roberto_vuilleumier.jpg

RAVELLO La sezione danza del festival della costiera si chiude con una festa in onore di Nureyev e un omaggio a Isadora Duncan.

continua a leggere...

>

News

Civitanova Danza chiude con Erectus

La nuova creazione al maschile di Abbondanza Bertoni

erectus.jpg

CIVITANOVA M. Dopo lo sguardo sul femminile in la Morte e la Fanciulla i coreografi e registi trentini firmano un lavoro tutto al maschile.

continua a leggere

>

News

England rules. A Bologna

Per cinque giorni da stasera Cuore d'Inghilterra

rolling_stones_union_jack_lips_i7584.jpg

BOLOGNA. Dedicata alla creatività britannica la rassegna estiva di Teatri di Vita ospita anche molta danza.

continua a leggere...

>