decathlon
decathlon

Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

News

Ouverture a Museion per Bolzano Danza: "Argon" di Fabrizio Favale

Giovedì 12 luglio al Museo d'arte contemporanea di Bolzano

598816969_780x439.jpg

BOLZANO Un’isola vulcanica del Mar Egeo, un’isola di sabbia del mare del Nord e il sottosuolo del più grande laboratorio di fisica delle particelle d’Europa: potenti paesaggi in cui si intuisce che qualcosa sta per accadere, qualcosa che arde dall’interno, come sulle pendici d’un vulcano greco, o come subito prima d’un bacio. Sono queste le atmosfere dei tre video del collettivo di artisti ZimmerFrei, che faranno da contraltare immaginativo alle coreografie di Fabrizio Favale, danzatore e coreografo, in “Argon”.

La nuova produzione Bolzano Danza/Museion inaugura giovedì 12 luglio la 34° edizione del Festival. Per la serata inaugurale è previsto un artist talk con gli artisti, Frida Carazzato (Museion) e Michele di Stefano, guest curator eventi Outdoor Bolzano Danza. Segue, dalle ore 22 alle ore 23.30, la proiezione e performance di danza. Argon è concepito in tre capitoli, gli appuntamenti successivi sono in programma il 19 e il 24 luglio, dalle ore 22-23.30.

Argon prende il nome dal gas che costituisce l’atmosfera terrestre utilizzato anche per l’incandescenza delle lampadine. Come spiega Fabrizio Favale: “Questo lavoro composto da tre capitoli parte da un'idea di articolazione dei concetti di stato della materia - aeriforme, solido, liquido, plasma - e ne traccia i contorni in nuove derive d’invenzione, fino ad approdare in paesaggi dell'immaginario dove si intravedono profili, creature, uomini, storie.”

I tre capitoli sono in stretto rapporto con i tre diversi video di ZimmerFrei – le immagini dei diversi paesaggi sono l’ambiente luminoso che accoglie la coreografia. Favale utilizza e amplifica le variazioni e intensità di luce e colore dei video con l’uso di nebbia artificiale, dando principio così a rivelazioni ambientali, immaginari di mondi inesistenti, in cui la danza procede “come un cielo montano o densità di foresta, attraversando brani dalle alte intensità dinamiche e energetiche, fino quasi a dissolversi nella leggerezza e rarefazione”. I movimenti sono stati creati insieme ai danzatori “ricercando linguaggi inventati come in un ipotetico dialogo con forme non umane dell'esistente”.

La luce della facciata, la verticalità e la fluidità dell’architettura di Museion sono così utilizzate e ricalcate in una sofisticata relazione di interscambio tra spazio e materia, che è completata dai manufatti del duo First Rose: strutture aeree sospese a mezz’aria all’interno di Museion, ma anche attrezzature tecniche in continuo movimento.

11/07/2018

la redazione

Stampa l'articolo Torna indietro

News

In-Between, la mostra fotografica di Rita Antonioli

Alla Triennale dal 13 al 23 dicembre

mg_6834_ritaantonioli.jpg

MILANO Rita Antonioli ha sempre guardato al palcoscenico come al suo mondo d’elezione. Dopo aver esplorato la scena musicale in B-Side Music Portraits (prefazione di Patti Smith), una collezione di ritratti dei più importanti artisti internazionali, Antonioli ha deciso negli ultimi due anni di indagare c i personaggi che animano le stagioni di Triennale Teatro dell’Arte: registi, attori, coreografi e danzatori. Da stasera in mostra, opening alle h. 18.

Continua a leggere...

 

 

>

News

Un grande albero per Schiaccianoci

La versione di George Balanchine approda alla Scala

george_balanchine_s_the_nutcracker_bozzetto_di_una_scena_di_margherita_palli_copia.jpg

MILANO Per la prima volta in Italia, Lo Schiaccianoci di George Balanchine entra nel repertorio del Balletto del Teatro alla Scala, inaugurando la stagione 2018/2019. Dal 16 dicembre al 15 gennaio, undici recite del capolavoro natalizio del maestro russo-americano dedicato all'infanzia che vede in scena oltre al Corpo di ballo 61 piccoli allievi dell'Accademia della Scala.

Continua a leggere...

>

News

La Magnifica fabbrica: 240 anni di Teatro alla Scala

Una bella mostra al Museo della Scala fino al 30 aprile

dsc05668_museo_teatrale_alla_scala_cr_andrea_martiradonna.jpg

MILANO Ha aperto il 4 dicembre (visitabile fino al 30 aprile) la mostra “La magnifica fabbrica – 240 anni del Teatro alla Scala da Piermarini a Botta” a cura di Fulvio Irace e Pierluigi Panza al Museo Teatrale e nel Ridotto dei Palchi.

Continua a leggere...

>

News

Dance: The Art of Movement

Il calendario più fashion dedicato alla danza

51ahyksd7gl._sy498_bo1_204_203_200_.jpg

Cerchi un regalo superfashion per Natale? Per tutti gli appassionati il pensiero più bello è il calendario 2019 firmato da New York Dance Project contenente i magnifici scatti ai più grandi danzatori internazionali di Deborah Ori e Ken Browar.

Continua a leggere...

>