decathlon
decathlon

Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

News

Ouverture a Museion per Bolzano Danza: "Argon" di Fabrizio Favale

Giovedì 12 luglio al Museo d'arte contemporanea di Bolzano

598816969_780x439.jpg

BOLZANO Un’isola vulcanica del Mar Egeo, un’isola di sabbia del mare del Nord e il sottosuolo del più grande laboratorio di fisica delle particelle d’Europa: potenti paesaggi in cui si intuisce che qualcosa sta per accadere, qualcosa che arde dall’interno, come sulle pendici d’un vulcano greco, o come subito prima d’un bacio. Sono queste le atmosfere dei tre video del collettivo di artisti ZimmerFrei, che faranno da contraltare immaginativo alle coreografie di Fabrizio Favale, danzatore e coreografo, in “Argon”.

La nuova produzione Bolzano Danza/Museion inaugura giovedì 12 luglio la 34° edizione del Festival. Per la serata inaugurale è previsto un artist talk con gli artisti, Frida Carazzato (Museion) e Michele di Stefano, guest curator eventi Outdoor Bolzano Danza. Segue, dalle ore 22 alle ore 23.30, la proiezione e performance di danza. Argon è concepito in tre capitoli, gli appuntamenti successivi sono in programma il 19 e il 24 luglio, dalle ore 22-23.30.

Argon prende il nome dal gas che costituisce l’atmosfera terrestre utilizzato anche per l’incandescenza delle lampadine. Come spiega Fabrizio Favale: “Questo lavoro composto da tre capitoli parte da un'idea di articolazione dei concetti di stato della materia - aeriforme, solido, liquido, plasma - e ne traccia i contorni in nuove derive d’invenzione, fino ad approdare in paesaggi dell'immaginario dove si intravedono profili, creature, uomini, storie.”

I tre capitoli sono in stretto rapporto con i tre diversi video di ZimmerFrei – le immagini dei diversi paesaggi sono l’ambiente luminoso che accoglie la coreografia. Favale utilizza e amplifica le variazioni e intensità di luce e colore dei video con l’uso di nebbia artificiale, dando principio così a rivelazioni ambientali, immaginari di mondi inesistenti, in cui la danza procede “come un cielo montano o densità di foresta, attraversando brani dalle alte intensità dinamiche e energetiche, fino quasi a dissolversi nella leggerezza e rarefazione”. I movimenti sono stati creati insieme ai danzatori “ricercando linguaggi inventati come in un ipotetico dialogo con forme non umane dell'esistente”.

La luce della facciata, la verticalità e la fluidità dell’architettura di Museion sono così utilizzate e ricalcate in una sofisticata relazione di interscambio tra spazio e materia, che è completata dai manufatti del duo First Rose: strutture aeree sospese a mezz’aria all’interno di Museion, ma anche attrezzature tecniche in continuo movimento.

11/07/2018

la redazione

Stampa l'articolo Torna indietro

Pro e contro

Il Ballo scaligero conquista la Cina

Accoglienze trionfali nel lungo tour per la compagnia e i solisti milanesi

cq5dam.web.738.462.jpg

Conclusa la lunga tournée cinese che ha segnato uno straordinario successo per il Ballo milanese, questa volta capitanato da tutti i talenti della casa. E in questo sta il successo più grande.

continua a leggere...

>

News

A Prato torna un 'classico' del contemporaneo italiano: Otto

La creazione più significativa dei Kinkaleri riproposta al Museo Pecci

otto.jpg

PRATO. Apparso quindici anni fa e diventato subito un grande successo nell'ambito del teatro performativo e di ricerca. OTTO torna ora per ripresentarci ironicamente i suoi eterni interrogativi.

continua a leggere...

>

News

In cucina si danza

Con the Kitchentheory dei Da Cru

thekitchetheory_ph_giovanni_bocchieri_sosp.jpg

ROMA. Debutta stasera al Vascello il nuovo lavoro della Da.Cru Dance Company di Marisa Ragazzo e Omid Ighani.

continua a leggere...

>

News

Silvia Gribaudi a Dimore d'autunno

A Castiglioncello residenze e incontri

silvia_gribaudi_ph_luca_giabardo_300x230.jpg

CASTIGLIONCELLO (LI) Dal 2011 la coreografa e danzatrice Silvia Gribaudi lavora in molte città italiane con donne OVER 60. Un progetto che negli anni si è articolato ed è cresciuto raggiungendo una qualità ed un impatto sociale straordinario. Da qui è nata la volontà di Armunia di radunare tutte le donne over 60 che hanno partecipato negli anni al progetto, nelle diverse regioni italiane dall'1 al 5 ottobre a Castiglioncello.

Continua a leggere...

>