decathlon 2019
decathlon 2019

Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

News

Bologna: una città virtuale per i diritti umani

Un festival di accoglienza e incontro

ritratto_taoufiq_izeddiou_ph._konstancja_dunin_wasowicz.jpg

BOLOGNA  Dare corpo e voce alla pluralità di abitanti della città, scambiando opinioni e pratiche, gesti e idee. È questo l'intento di Right to the City/Diritto alla città in programma dal 15 al 24 giugno sotto le due Torri con performance itineranti, dj-set collettivi, incontri di approfondimento, musiche dal mondo, per mettere in discussione la città come spazio reale o immaginato.

Curate da Piersandra Di Matteo e promosse da Emilia-Romagna Teatro Fondazione in collaborazione con Cantieri Meticci e il Dipartimento di Sociologia e Diritto dell'Economia dell'Università di Bologna, le dieci giornate si inseriscono all'interno di Atlas of Transitions Biennale, progetto europeo che vede ERT come capofila nell'indagare insieme a dieci partner di sette diversi paesi nuovi modi di interazione tra cittadini.

L'esperienza artistica come bene relazionale e l'azione performativa come strumento di riflessione sono il pilastri del ricco palinsesto che mette insieme residenti italiani e stranieri, migranti, richiedenti asilo e rifugiati politici all'interno di uno scenario inclusivo e festoso a più voci.

Dopo l'inaugurazione al MAMbo-Museo d'Arte Moderna di Bologna con Punteggiatura di  Muna Mussie (15 giugno ore 18), opera d'arte collettiva realizzata dall'artista eritrea insieme a donne di varie provenienze, si segnala sul versante più coreografico Unleashing ghosts from urban darkness di Alessandro Carboni (17 giugno ore 18). Frutto del laboratorio condotto con giovani di diverse provenienze geografiche sul metodo ideato da Carboni EM Tools, la performance itinerante parte dal Memoriale della Shoah per fare del corpo degli interpreti uno strumento cartografico rimappando così estese aree urbane.

In collaborazione con Danza Urbana Festival, il coreografo marocchino Taoufiq Izeddiou , direttore del Festival On Marche di Marrakech, propone in Cent pas presque (23 giugno ore 18 in via Rizzoli e 24 giugno ore 17 in Piazza dei Colori), esito di due laboratori con diversi cittadini, di interrompere per 60 minuti il flusso della vita urbana grazie a movimenti lenti, gesti e sguardi accompagnati dalla musica dal vivo, per percepire nuovi ritmi e dimensioni altre della città.

Nlella foto di K.Dunin Wasowicz il coreografo Taoufiq Izeddiou

11/06/2018

Carmelo A. Zapparrata

Stampa l'articolo Torna indietro

News

"Romeo e Giulietta" al cinema con il Royal Ballet

In diretta l'11 giugno nelle sale italiane

image002.jpg

Al cinema con il Royal Ballet "Romeo e Giulietta" di Kenneth MacMillan l’11 giugno alle ore 20.15. L’evento sarà infatti trasmesso nei cinema italiani in diretta via satellite dalla Royal Opera House di Londra.

Continua a leggere e scopri elenco delle sale italiane nonché come ottenre biglietti omaggio sulla nostra app DanzaDove...

 

>

News

La Danse en grande forme

iniziativa francese per sostenere la produzione di forme coreografiche più consistenti

gaelle_bourges.jpg

PARIGI Il progetto La Danse en grande forme riunisce 12 strutture francesi nazionali, CCN e CDCN, per sostenere la produzione di artisti che si impegnino a creazioni con un minimo di 8 interpreti. La somma messa a disposizione è di € 84000  (7000 euro a struttura coinvolta). Già diffusi i nomi dei vincitori.

Continua a leggere...

 

 

>

News

Cinemaèdanza. La rassegna di Sosta Palmizi

Quattro film sulla forza espressiva del corpo

mario_martone_capri_revolution_2.jpg

CORTONA Annunciati i quattro appuntamenti in altrettante belle località dell'aretino per mostrarci la forza espressiva del corpo da divesi punti di vista cinematografici.

Continua a leggere...

>

Shop

IL BODY GIUSTO PER INIZIARE A DANZARE

danza_danza_danza_presentazione_prodotto_maggio_low.jpg

Per chi sta per iniziare a studiare danza il body è il pezzo must. Domyos propone un modello che farà innamorare le bambine.

Continua a leggere...

>