decathlon 2019
decathlon 2019

Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

Pro e contro

Greco e Scholten: addio Marsiglia

A fine anno i due artisti lasciano il CCN

maxresdefault_1_.jpg

MARSIGLIA. Volge al termine la direzione di Emio Greco e Pieter Scholten al Ballet de Marseille. Come annunciato dalla stampa il contratto non viene rinnovato alla scadenza del dicembre prossimo e un bando per le nuove candidature alla guida del Centro Coreografico Nazionale è pronto ad essere lanciato a breve.

Nelle intenzioni delle istituzioni si pensa a un nuovo progetto artistico rivolto soprattutto ai giovani, rivoluzionario e che tenga conto delle evoluzioni artistiche e coreografiche subite dal territorio provenzale nell'ultimo periodo.

Da parte loro Greco e Scholten hanno affermato che all'inizio hanno percepito che la realizzazione del loro progetto marsigliese aveva tutta l'apparenza di una missione impossibile. Poi sono stati fatti alcuni aggiustamenti, cambiata la compagnia, inserito alcuni nuovi danzatori, accolti artisti in residenza, ma di fatto né i due- che hanno continuato anche a mantenere attivo il loro progetto olnadese- né la città hanno mai davvero stretto un legame culturale e artistico convincente. Conclusione consensuale quindi.

 

 

22/05/2018

D&D

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Stampa l'articolo Torna indietro

News

Esami con lode all'Accademia della Scala

Venti diplomati con ottimi voti

foto_diplomati1.jpg

MILANO Si è concluso l'anno accademico con i tradizionali esami di fine corso. Venti i diplomati di quest'anno.

continua a leggere...

>

News

A Matera artisti e filosofi alla ricerca del Petrolio

Un progetto culturale sull'uomo del nuovo millennio

matera.jpg

MATERA In occasione delle celebrazioni per la Capitale Europea della Cultura Matera ospita un articolato progetto di arte e pensiero con molti coregrafi e performer.

Continua a leggere...

>

News

Tanti debutti per il ritorno della Bella

Alla Scala il balletto dei balletti dal 26 giugno

la_bella_addormentata_nel_bosco.jpg

MILANO Molti debutti per il ritorno del capolavoro del balletto classico nella versione di Nureyev che nacque proprio alla Scala nel 1966.

Continua a leggere...

>