Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

News

La Scala omaggia Nureyev con un gran Galà

Ospiti e stelle di casa nella celebrazione del leggendario divo

nureyev_alla_scala_il_corsaro_1966_ph_erio_piccagliani_teatro_alla_scala.jpg

MILANO Dalla sua prima apparizione alla Scala, nel 1965, accanto a Margot Fonteyn in Romeo e Giulietta, la Scala ha avuto innumerevoli occasioni per poter acclamare Rudolf Nureyev, come interprete e di poter custodire in repertorio i titoli da lui coreografati.

Nell’anno che segna l’ottantesimo anniversario della nascita e il venticinquesimo anniversario della sua scomparsa, il Teatro alla Scala e il suo Corpo di Ballo onorano in Serata Nureyev la memoria del geniale ballerino e coreografo, la carismatica personalità e la sua inimitabile valenza artistica, in tre serate, il 25, 26 e 29 maggio, più una Serata straordinaria, il 24, a favore della Fondazione Francesca Rava - NPH Italia Onlus.

Il programma che si avvale della presenza di Svetlana Zakharova, Roberto Bolle e dei guest Marianela Nunez e Vadim Muntagirov; Principals del Royal Ballet e Germain Louvet, Etoile dell'Opéra di Parigi, ripropone alcune pagine coreografiche che lo hanno immortalato come interprete o che ha firmato come autore, come La Bella addormentata nel bosco che proprio alla Scala, unica tra le sue coreografie, vide il suo debutto nel 1966. E proprio nel terzo atto de La Bella addormentata danzeranno Svetlana Zakharova e Germain Louvet, al suo debutto alla Scala.

Lo sfavillante Gran pas de deux del terzo atto dal suo Don Chisciotte, uno dei cavalli di battaglia della compagnia scaligera, in repertorio alla Scala dal 1980, sarà interpretato da Marianela Nuñez e, per la prima volta alla Scala, Vadim Muntagirov, mentre Apollo, manifesto dell’insostituibile apporto di George Balanchine alla storia del balletto e della danza, è affidato a Roberto Bolle per ricordare la prima volta che questo capolavoro entrò nel repertorio della compagnia scaligera proprio grazie a Nureyev.

Omaggio finale a Nureyev coreografo, ballerino e direttore di compagnia,e, un Défilé che accoglierà in un grande abbraccio le Étoiles, gli artisti ospiti, i ballerini del Teatro alla Scala e gli allievi della Scuola di Ballo dell’Accademia Teatro alla Scala, Accademia che vede anche impegnata in questo omaggio la sua Orchestra, diretta dal M° David Coleman.

Il consueto incontro Prima delle prime è affidato a Gianluca Bauzano del Corriere della Sera che martedì 22 alle 18 al Ridotto ai Palchi Toscanini terrà una conferenza intitolata Rudolf Nureyev l'uomo che reinventò la danza.

 

foto Piccagliani, 1966

 

 

15/05/2018

D&D

Stampa l'articolo Torna indietro

News

Sharon Eyal in Emilia con "OCD Love" e "Love Chapter 2"

2_ocd_love_photo_by_regina_brocke.jpg
FERRARA La Stagione di danza del Teatro Comunale di Ferrara si chiude con un appuntamento davvero particolare, che congiunge idealmente i teatri di Ferrara e Modena, le due città che per la prima volta ospitano in Emilia Romagna Sharon Eyal, riconosciuta nel panorama internazionale come una delle più sorprendenti e inventive coreografe del giorno d'oggi. Il 24 marzo al Comunale di Ferrara con ODC Love e il 26 marzo al Pavarotti di Modena con il sequel "Love Chapter 2".
 
Continua a leggere...
 

 

>

News

La Butterfly in danza con Monica Casadei

Prima nazionale al Verdi di Pisa il 29 marzo

butterfly_colori_proibiti_ph_vincenzo_cerati.jpg

PISA La danza appassionata e sensibile di Monica Casadei torna in scena al Verdi con la prima italina di Butterfly colori proibiti interpreato da Artemis Danza, venerdì 29 marzo ore 21.

Continua a leggere...

 

>

Pro e contro

La Danza Italiana. Materia di convegno

All'Università di Bologna dal 28 al 30 marzo

auditjpg.jpg

BOLOGNA Annunciato a suo tempo è ora pronto in dettaglio il programma del convegno La Danza in Italia nel Novecento e oltre curato da Elena Cervellati e Giulia Taddeo dell'Università di Bologna. Artisti, docenti universitari, studiosi, critici e operatori di tutta Italia e oltre in una tre giorni per delineare le linee, le criticità, le potenzialità e unicità dell'arte come si è espressa dal Novecento ad oggi nel nostro Paese.

Continua  a leggere...

>

Pro e contro

"Act of mercy" di Antonello Tudisco

_dsc2514_copy.jpg

NAPOLI Per la stagione “Stabile Danza” del Teatro Mercadante, il coreografo Antonello Tudisco. di Interno5, mette in scena un lavoro sulla ricerca della pietà nel tempo presente: "Act of mercy".

Continua a leggere...

 

>