decathlon
decathlon

Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

News

Spellbound Contemporary Ballet in "Rossini Ouvertures"

Al Carcano di Milano il 18,19,20 maggio

_rossiniouverture2_x_manifesti_ph_alessio_amato_copia.jpg

MILANO Rossini Ouvertures, creazione di Mauro Astolfi per Spellbound Contemporary Ballet, celebra la figura artistica ed umana di Gioachino Rossini, di cui nel 2018 ricorrono i 150 anni dalla morte. Lo spettacolo, a cui la città di Pesaro, insieme a AMAT, partecipa come coproduttore, è inserito nel ricco programma delle celebrazioni che copre il quadriennio 2016-2019.

La lettura dello scritto di Augusto Benemeglio su quella “follia organizzata” che fu la vita di Rossini ha rappresentato il momento illuminante per Mauro Astolfi nella creazione della sua coreografia, insieme a un’immersione musicale continua e ripetuta durata ventiquattro ore che l’ha definitivamente sedotto e risucchiato all’interno del mondo rossiniano.

Una fascinazione per una genialità prorompente e inebriante che conviveva con un profondo mal di vivere, per una personalità fortissima ed energetica che, al limite del bipolarismo, ha creato opere musicali di grazia assoluta ed eterna. Nello spettacolo Astolfi immagina una grande parete, la parete dei ricordi, in cui Rossini nascondeva il suo cibo, i suoi vini; la casa dove ospitava gli amici e i compositori, ma anche la gente comune con cui amava scherzare e condividere la quotidianità. Una proiezione della mente di Rossini, piena di sportelli, ripiani, nascondigli a separare un mondo dall’altro. In questo spazio si aggira un inquilino, una figura antropomorfa, nera, una macchia che comunica con lui, si insinua nei suoi sogni, striscia dentro al suo letto per poi sparire, ma mai del tutto, a scandire lo scampolo di tempo che rimane, ma anche i lunghi periodi passati a combattere disagi fisici e psichici di ogni sorta. La macchia nera è la personificazione della paura della morte, della malattia, ma forse anche un consigliere e, paradossalmente, in certi momenti, l’unica certezza della sua vita.

Nelle lunghissime notti tormentate dall’insonnia, Rossini viveva ormai in due mondi che a momenti si avvicinavano fin quasi a toccarsi e solo grazie alla sua infinita capacità creativa e alla passione per i piaceri dei sensi, per la cucina, il sesso, riusciva momentaneamente ad anestetizzare quanto accadeva nel suo corpo e nella sua mente.

La sua musica estrema, segno di forza ed energia superiori, ha ispirato ad Astolfi la creazione di una danza ugualmente “estrema”, carica di energia e vitalità, di incontri, seduzioni e suggestioni.

Al Teatro Carcano di Milano venerdì 18 e sabato 19 maggio 2018 ore 20,30 - domenica 20 maggio 2018 ore 18,00

 

 

10/05/2018

la redazione

Stampa l'articolo Torna indietro

News

In-Between, la mostra fotografica di Rita Antonioli

Alla Triennale dal 13 al 23 dicembre

mg_6834_ritaantonioli.jpg

MILANO Rita Antonioli ha sempre guardato al palcoscenico come al suo mondo d’elezione. Dopo aver esplorato la scena musicale in B-Side Music Portraits (prefazione di Patti Smith), una collezione di ritratti dei più importanti artisti internazionali, Antonioli ha deciso negli ultimi due anni di indagare c i personaggi che animano le stagioni di Triennale Teatro dell’Arte: registi, attori, coreografi e danzatori. Da stasera in mostra, opening alle h. 18.

Continua a leggere...

 

 

>

News

Un grande albero per Schiaccianoci

La versione di George Balanchine approda alla Scala

george_balanchine_s_the_nutcracker_bozzetto_di_una_scena_di_margherita_palli_copia.jpg

MILANO Per la prima volta in Italia, Lo Schiaccianoci di George Balanchine entra nel repertorio del Balletto del Teatro alla Scala, inaugurando la stagione 2018/2019. Dal 16 dicembre al 15 gennaio, undici recite del capolavoro natalizio del maestro russo-americano dedicato all'infanzia che vede in scena oltre al Corpo di ballo 61 piccoli allievi dell'Accademia della Scala.

Continua a leggere...

>

News

La Magnifica fabbrica: 240 anni di Teatro alla Scala

Una bella mostra al Museo della Scala fino al 30 aprile

dsc05668_museo_teatrale_alla_scala_cr_andrea_martiradonna.jpg

MILANO Ha aperto il 4 dicembre (visitabile fino al 30 aprile) la mostra “La magnifica fabbrica – 240 anni del Teatro alla Scala da Piermarini a Botta” a cura di Fulvio Irace e Pierluigi Panza al Museo Teatrale e nel Ridotto dei Palchi.

Continua a leggere...

>

News

Dance: The Art of Movement

Il calendario più fashion dedicato alla danza

51ahyksd7gl._sy498_bo1_204_203_200_.jpg

Cerchi un regalo superfashion per Natale? Per tutti gli appassionati il pensiero più bello è il calendario 2019 firmato da New York Dance Project contenente i magnifici scatti ai più grandi danzatori internazionali di Deborah Ori e Ken Browar.

Continua a leggere...

>