decathlon
decathlon

Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

Pro e contro

Affare soprusi. Salta un altro direttore

Kenneth Greve del Finnish National Ballet costretto alle dimissioni

greveb.jpg

Continuano i giri di valzer nella varie compagnie di balletto internazionali. La ronde è stata avviata dall'esplosione dello scandalo sugli abusi sessuali e verbali  partito da Hollywood e diffusosi come macchia d'olio in ogni ambito.

Tempo fa due personalità del balletto americano come Peter Martins, all'epoca alla testa del New York City Ballet e Marcelo Gomes, stella amatissima dell'American ballet Theatre, hanno subito attacchi e accuse relative a loro comportamenti scorretti.

Come si ricorderà, Martins ha dato le dimissioni irrevocabili dal NYCB - attualmente guidato da uno staff di quattro artisti. Giova ricordare, ad onor di cronaca, che la successiva indagine - seguita alle denunce anonime- ha affermato che non è stata trovata nessuna prova concreta a corroborare le accuse arrivate sul tavolo degli amministratori del NYCB.

Marcelo Gomes, anche lui dimessosi dopo l'accusa di molestie, ha comunque trovato immediato supporto e solidarietà da parte delle sue partner storiche. Lo si è visto così danzare recentemente al Marijnsky e presto sarà a Tokyo con Alessandra Ferri.

In Europa, la prima ad essere stata colpita è Tamara Rojo, direttrice dell'English National Ballet, cui si imputa tra le altre cose un conflitto di interessi per il legame con il primo ballerino messicano Isaac Hernandez e soprattutto una gestione rigidissima della compagnia britannica. La tosta Tamara comunque va avanti, sostenuta da un ottimo successo della sua programmazione.

Chi invece è stato costretto a pubbliche scuse  la compagnia è il danese Kenneth Greve, direttore del Finnish National Ballet che lascerà a luglio dopo undici anni di direzione. Accusato di comportamento inappropriato, Greve ha già lasciato i ruoli manageriali della compagnia e fatto scuse ufficiali.

Per Greve un nuovo 'scandalo', dopo quello che all'inizio della sua carriera lo vide involontaria causa della rottura tra Nureyev e l'Opéra di Parigi. La compagnia, allora diretta dal russo, si ribellò infatti come un sol uomo alla decisione di Nureyev di inserire nei programmi della Maison in ruoli di etoile l'allora ventenne Greve.

 

 

08/04/2018

s.p.

Stampa l'articolo Torna indietro

News

In-Between, la mostra fotografica di Rita Antonioli

Alla Triennale dal 13 al 23 dicembre

mg_6834_ritaantonioli.jpg

MILANO Rita Antonioli ha sempre guardato al palcoscenico come al suo mondo d’elezione. Dopo aver esplorato la scena musicale in B-Side Music Portraits (prefazione di Patti Smith), una collezione di ritratti dei più importanti artisti internazionali, Antonioli ha deciso negli ultimi due anni di indagare c i personaggi che animano le stagioni di Triennale Teatro dell’Arte: registi, attori, coreografi e danzatori. Da stasera in mostra, opening alle h. 18.

Continua a leggere...

 

 

>

News

Un grande albero per Schiaccianoci

La versione di George Balanchine approda alla Scala

george_balanchine_s_the_nutcracker_bozzetto_di_una_scena_di_margherita_palli_copia.jpg

MILANO Per la prima volta in Italia, Lo Schiaccianoci di George Balanchine entra nel repertorio del Balletto del Teatro alla Scala, inaugurando la stagione 2018/2019. Dal 16 dicembre al 15 gennaio, undici recite del capolavoro natalizio del maestro russo-americano dedicato all'infanzia che vede in scena oltre al Corpo di ballo 61 piccoli allievi dell'Accademia della Scala.

Continua a leggere...

>

News

La Magnifica fabbrica: 240 anni di Teatro alla Scala

Una bella mostra al Museo della Scala fino al 30 aprile

dsc05668_museo_teatrale_alla_scala_cr_andrea_martiradonna.jpg

MILANO Ha aperto il 4 dicembre (visitabile fino al 30 aprile) la mostra “La magnifica fabbrica – 240 anni del Teatro alla Scala da Piermarini a Botta” a cura di Fulvio Irace e Pierluigi Panza al Museo Teatrale e nel Ridotto dei Palchi.

Continua a leggere...

>

News

Dance: The Art of Movement

Il calendario più fashion dedicato alla danza

51ahyksd7gl._sy498_bo1_204_203_200_.jpg

Cerchi un regalo superfashion per Natale? Per tutti gli appassionati il pensiero più bello è il calendario 2019 firmato da New York Dance Project contenente i magnifici scatti ai più grandi danzatori internazionali di Deborah Ori e Ken Browar.

Continua a leggere...

>