decathlon
decathlon

Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

Pro e contro

Schubert Frames di Enrico Morelli

schubert_frames_coreogr._enrico_morelli_foto_tiziano_ghidorsi_0556218.jpg

CORREGGIO Sono corpi musicali. Attraversati dalla melodia. Note lasciate scorrere e vibrare lungo le braccia, le torsioni, i salti, le linee e le curve che disegnano lo spazio. I danzatori sembrano aver assimilato intimamente e pienamente la musica di Schubert, inglobata nella mente e restituita nel moto gestuale ora ondivago, ora teso e nerbuto, ora fluttuante, a esprimerci la mutabilità dei sentimenti, a plasmare i chiaroscuri delle relazioni e sondare i tumulti dell'anima. Di tutto questo, però, non c’è nessuna intenzione narrativa, né illustrativa nello spettacolo Schubert Frames che Enrico Morelli ha costruito per la MM Contemporary Dance Company, presentato in prima assoluta al Teatro Asioli di Correggio (abbinato, nella stessa serata, a Gershwin in Suite di Michele Merola). Quando si affronta un compositore la cui musica vince all’ascolto per la notorietà delle melodie e per il flusso emotivo che suscita, è facile lasciarsi sedurre dalla sua bellezza e inseguire l'architettura della partitura depositandovi un'assonanza e una sintonia di movimenti che, spesso, assecondano la melodia in maniera descrittiva. Morelli rifugge da questa seduzione. Per nulla didascalica, la sua coreografia pullula di vita propria concepita come un racconto astratto, evocativo, sopra un sapiente collage di celebri brani di Franz Schubert. C’è una ricchezza di movimenti, alcuni dei quali ritornano accumulandosi, come nuovi, nel tessuto coreografico, e imprimendo ulteriore energia. Energia ora convulsa, ora meditativa, che i danzatori sprigionano anche nella sosta di posture statiche e di fermo immagine, preludio alle dinamiche del successivo brano musicale. L'atmosfera è quella lunare (disegno luci di Cristina Spelti), un chiarore dato da una grande sfera di stoffa che inizialmente funge da bianco tappeto sopra il quale confluiscono i danzatori. Si gonfierà via via, impercettibilmente, assumendo la forma, prima di una goccia, quindi di una luna piena, per involarsi e oscillare sospesa spandendo la sua luce sulla danza giocosa di un’interprete, poi su quella vorticosa del gruppo che si chiude e si apre tra plastiche braccia tese, salti da fermi, continue cadute a terra. Dal gruppo si staccano coppie per duetti e terzetti, e intrecci dettati da leggeri colpi dati sul petto, come a segnare il partner prescelto. In queste sequenze, mutate quindi da una luce calda, ritorna l'alternarsi di coppie che s’inseguono, si attraggono, si sgretolano, si distaccano, e velocemente tornano a ricomporsi; mentre le donne, nell'atto di lasciarsi cadere all’indietro, richiamano ripetutamente la prontezza dell'uomo che corre a sostenerle. In questo bisogno dell’altro, nell’esibita fragilità di anime solitarie, nell’andare e ritornare tra braccia ingannevoli o sicure, nei vacillamenti dei corpi in cerca di sostegno, rimane l'ansimare all’unisono nella penombra di una luna sotto la quale stiamo tutti.

 

MM Company in "Schubert Frames" (foto Tiziano Ghidorsi)

10/03/2018

Giuseppe Distefano

Stampa l'articolo Torna indietro

News

In-Between, la mostra fotografica di Rita Antonioli

Alla Triennale dal 13 al 23 dicembre

mg_6834_ritaantonioli.jpg

MILANO Rita Antonioli ha sempre guardato al palcoscenico come al suo mondo d’elezione. Dopo aver esplorato la scena musicale in B-Side Music Portraits (prefazione di Patti Smith), una collezione di ritratti dei più importanti artisti internazionali, Antonioli ha deciso negli ultimi due anni di indagare c i personaggi che animano le stagioni di Triennale Teatro dell’Arte: registi, attori, coreografi e danzatori. Da stasera in mostra, opening alle h. 18.

Continua a leggere...

 

 

>

News

Un grande albero per Schiaccianoci

La versione di George Balanchine approda alla Scala

george_balanchine_s_the_nutcracker_bozzetto_di_una_scena_di_margherita_palli_copia.jpg

MILANO Per la prima volta in Italia, Lo Schiaccianoci di George Balanchine entra nel repertorio del Balletto del Teatro alla Scala, inaugurando la stagione 2018/2019. Dal 16 dicembre al 15 gennaio, undici recite del capolavoro natalizio del maestro russo-americano dedicato all'infanzia che vede in scena oltre al Corpo di ballo 61 piccoli allievi dell'Accademia della Scala.

Continua a leggere...

>

News

La Magnifica fabbrica: 240 anni di Teatro alla Scala

Una bella mostra al Museo della Scala fino al 30 aprile

dsc05668_museo_teatrale_alla_scala_cr_andrea_martiradonna.jpg

MILANO Ha aperto il 4 dicembre (visitabile fino al 30 aprile) la mostra “La magnifica fabbrica – 240 anni del Teatro alla Scala da Piermarini a Botta” a cura di Fulvio Irace e Pierluigi Panza al Museo Teatrale e nel Ridotto dei Palchi.

Continua a leggere...

>

News

Dance: The Art of Movement

Il calendario più fashion dedicato alla danza

51ahyksd7gl._sy498_bo1_204_203_200_.jpg

Cerchi un regalo superfashion per Natale? Per tutti gli appassionati il pensiero più bello è il calendario 2019 firmato da New York Dance Project contenente i magnifici scatti ai più grandi danzatori internazionali di Deborah Ori e Ken Browar.

Continua a leggere...

>