decathlon
decathlon

Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

News

Salvo Lombardo con Excelsior vince il bando Residenze Coreografie alla Lavanderia a Vapore

Debutto dello spettacolo a Oriente Occidente 2018

salvatore_lombardo_foto_paolo_porto_.jpg

TORINO E' Salvo Lombardo con il suo progetto Excelsior il vincitore del bando 2018/2019 Residenze Coreografiche Lavanderia a Vapore di Collegno (To).

La commissione composta da Alessandro Pontremoli, Anna Cremonini, Natalia Casorati, Cristiana Candellero, Paolo Mohovich, Matteo Negrin, Valentina Tibaldi ha esaminato le domande pervenute, selezionando il progetto Excelsior di Salvo Lombardo.

Questa la motivazione espressa dalla commissione: "Salvo Lombardo presenta un progetto molto articolato. L’idea di lavorare su un classico del repertorio accademico come il Ballo Excelsior con un processo di decostruzione culturale e di sua ricostruzione nei termini della “inattualità del contemporaneo” è di grande interesse. Coerente con la sua poetica della traccia, ampiamente sviscerata nella trilogia che prende avvio con Casual Bystanders, Salvo Lombardo propone una traduzione o meglio un re-enactment contemporaneo post-coloniale del Ballo Excelsior valendosi della collaborazione di artisti di qualità e di alto livello. Le partnership produttive sono prestigiose. Le proposte di interazione coi pubblici e il territorio sono coerenti con tutta la progettualità". 

Lo spettacolo Excelsior tenterà una lettura postcoloniale del celebre Ballo Excelsior del 1881; gli anni di Excelsior furono cruciali per l’affermazione della cultura e dell’identità moderna europea; sono gli anni delle Esposizioni Universali dove vengono celebrate le conquiste del progresso, della rivoluzione industriale, dell’imperialismo coloniale e dell’affermazione del concetto di identità nazionale. Partendo da queste premesse, Salvo Lombardo tenterà di trasporre i temi di Excelsior in contenuti attuali attraverso i linguaggi della danza contemporanea e dell’arte visiva. La performance non sarà una riscrittura e nemmeno un adattamento o remake del balletto originale; sarà piuttosto una radicale traduzione che farà di Excelsior un’opera ri-mediata, a partire da domande sulla contemporaneità. Qual è oggi l’eredità culturale di quell’idea di Occidente e di modernità? Quali sono le possibili accezioni del concetto di “Altro”, che fino a ieri ha segnato la soglia del perturbante e dell’impenetrabile esotismo, e che oggi è aggiornato secondo una nevrotica ricerca di “trasparenza”?

Lo spettacolo debutterà nel settembre del 2018 al Festival Oriente Occidente a Rovereto e sarà realizzato in coproduzione con il Théâtre National de Chaillot di Parigi, il Festival Fabbrica Europa e Romaeuropa Festival e con il sostegno in residenza del Teatro della Toscana e Spellbound Dance Company.

 

Sono stati individuati altri due progetti interessanti, per una menzione speciale:

Endless Ending Process di Salvatore Insana. La proposta di una riflessione artistica multimediale sul concetto di fatica e in particolare di fatica del corpo è particolarmente interessante per le implicazioni culturali che il progetto mette in campo. Il rigore del progetto, già presentato in una sua fase embrionale ad Anghiari Dance Hub, consiste nella fedeltà a temi di movimento che si fanno via via habitat, spazio sonoro, costruzione drammaturgia. Il gruppo si è avvalso di efficaci azioni di tutorato. Coerente la proposta di coinvolgimento dei pubblici e delle comunità.

Beast Without Beauty di C&C Company presenta un impianto drammaturgico solido e una prospettiva di messa in scena di interessante impatto. Le partnerships produttive sono prestigiose e coerenti con l’impostazione estetica della compagnia. Gli interventi sul territorio di buona efficacia.

www.piemontedalvivo.it

 

05/03/2018

la redazione

Stampa l'articolo Torna indietro

News

In-Between, la mostra fotografica di Rita Antonioli

Alla Triennale dal 13 al 23 dicembre

mg_6834_ritaantonioli.jpg

MILANO Rita Antonioli ha sempre guardato al palcoscenico come al suo mondo d’elezione. Dopo aver esplorato la scena musicale in B-Side Music Portraits (prefazione di Patti Smith), una collezione di ritratti dei più importanti artisti internazionali, Antonioli ha deciso negli ultimi due anni di indagare c i personaggi che animano le stagioni di Triennale Teatro dell’Arte: registi, attori, coreografi e danzatori. Da stasera in mostra, opening alle h. 18.

Continua a leggere...

 

 

>

News

Un grande albero per Schiaccianoci

La versione di George Balanchine approda alla Scala

george_balanchine_s_the_nutcracker_bozzetto_di_una_scena_di_margherita_palli_copia.jpg

MILANO Per la prima volta in Italia, Lo Schiaccianoci di George Balanchine entra nel repertorio del Balletto del Teatro alla Scala, inaugurando la stagione 2018/2019. Dal 16 dicembre al 15 gennaio, undici recite del capolavoro natalizio del maestro russo-americano dedicato all'infanzia che vede in scena oltre al Corpo di ballo 61 piccoli allievi dell'Accademia della Scala.

Continua a leggere...

>

News

La Magnifica fabbrica: 240 anni di Teatro alla Scala

Una bella mostra al Museo della Scala fino al 30 aprile

dsc05668_museo_teatrale_alla_scala_cr_andrea_martiradonna.jpg

MILANO Ha aperto il 4 dicembre (visitabile fino al 30 aprile) la mostra “La magnifica fabbrica – 240 anni del Teatro alla Scala da Piermarini a Botta” a cura di Fulvio Irace e Pierluigi Panza al Museo Teatrale e nel Ridotto dei Palchi.

Continua a leggere...

>

News

Dance: The Art of Movement

Il calendario più fashion dedicato alla danza

51ahyksd7gl._sy498_bo1_204_203_200_.jpg

Cerchi un regalo superfashion per Natale? Per tutti gli appassionati il pensiero più bello è il calendario 2019 firmato da New York Dance Project contenente i magnifici scatti ai più grandi danzatori internazionali di Deborah Ori e Ken Browar.

Continua a leggere...

>