Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

News

Storia di Ahmad. Che ballerà con Bolle

Su Rai Uno nello show della star

ahmadjpg.jpg

Nello show televisivo di Roberto Bolle Danza con me, su Rai Uno il 1 gennaio prossimo, apparirà anche il danzatore palestinese Ahmad Joudeh salvato da una vita di privazioni, dovuta anche alla tragica condizione di profugo, da una Fondazione - Dance for Peace - attivata dal direttore dell'Het Nationale Ballet Ted Brandsen. Da Danza&Danza 276 riproduciamo un estratto dell'articolo di Silvia Poletti, a cui Ted Brandsen ha raccontato la vicenda di Ahmad

“ Avevo sentito parlare di un documentario su un giovane profugo palestinese in Siria che fin da bambino ha lottato per poter danzare. E una sera ho deciso di guardarlo sul computer. Ero seduto sul mio divano e osservavo l'incredibile storia di questo ragazzo cacciato di casa, ripudiato dal padre, minacciato di morte dal partito integralista solo perché il suo desiderio era danzare. In un paese in guerra, ecco che insegnava agli orfani a trovare sollievo e speranza attraverso l'arte. Ho pensato a quanto fosse straordinario come essere umano. E ho sentito il bisogno di fare qualcosa.” Così Ted Brandsen racconta, ancora emozionato, la nascita del progetto Dance for Peace, che ha consentito al venticinquenne palestinese Ahmad Joudeh di trasferirsi in Olanda e completare i suoi studi. “ La nostra è una compagnia multiculturale con danzatori che arrivano da tutto il mondo. Abbiamo una scuola. E istituzioni sensibili. Ho chiamato un po' di persone, ho detto: se ci mettiamo tutti insieme possiamo farcela. Ed ora Ahmad è qui e ha iniziato una nuova vita”. La Fondazione è aperta al contributo di tutti e sosterrà in futuro anche altri giovani artisti che si trovano in situazioni analoghe a quella di Ahmad: “ Sono grato alle persone che ci hanno aiutato. Dimostra che come individui possiamo fare più di quanto pensiamo e come istituzioni culturali dovremmo essere sempre vigili e riconoscere passione e talento. In Ahmad ho visto esattamente tutto ciò che hanno i danzatori che conosco. Sono artisti, vulnerabili e forti allo stesso tempo.”

 

 

 

18/12/2017

D&D

Stampa l'articolo Torna indietro

Pro e contro

"Act of mercy" di Antonello Tudisco

_dsc2514_copy.jpg

NAPOLI Per la stagione “Stabile Danza” del Teatro Mercadante, il coreografo Antonello Tudisco. di Interno5, mette in scena un lavoro sulla ricerca della pietà nel tempo presente: "Act of mercy".

Continua a leggere...

 

>

News

FOG si allarga al DiD Studio con tre giovani proposte

IL 25 e 26 marzo con Giovanfrancesco Giannini, Collettivo Munerade e Salvo Lombardo

fog_giovanfrancesco_giannini_datamigration_1_ph_antonia_treccagnoli.jpg

MILANO Secondo appuntamento ideato da FOG 2019 in coproduzione con il DiD Studio di Ariella Vidach, partner prezioso del Triennale Teatro dell’Arte, per presentare al pubblico milanese alcune tra le più interessanti proposte della giovane danza italiana. In scen ala DiD Studio Fabbrica del Vapore il 25 e 26 marzo (dalle h.20) tre prime assolute all’insegna della ricerca. 

Continua a leggere...

>

News

"Sagra della primavera" e "Stabat Mater" di Edward Clug con il Balletto di Maribor

Al Sociale di Como il 29 marzo

stabat_mater.jpg

COMO Il Balletto del Teatro Nazionale Sloveno di Maribor diretto da Edward Clug è ospite al Teatro Sociale di Como con un dittico tra sacro e profano firmato dal direttore. In scena Le sacre du printemps di Igor Stravinsky e lo Stabat Mater di Pergolesi, venerdì 29 marzo h. 20.30.

Continua a leggere...

 

>

News

What we are: piattaforma coreografica a Udine

Candidature entro il 7 aprile

web_wwa_solo_foto_orrizzontale_kopie_1_.jpg

UDINE Scade il 7 aprile la open-call per la piattaforma coreografica What We Are rivolta ad autori e interpreti della scena contemporanea nazionale ed estera, in programma il 5 maggio al Teatro S. Giorgio di Udine, firmata dall’ADEB, Associazione Danza e Balletto, in collaborazione con Comune di Udine, CSS-Teatro Stabile di Innovazione F.V.G. e il nostro magazine. 

Continua a leggere...

 

>