decathlon
decathlon

Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

Pro e contro

NID Giorno 3.Dai fatti alle parole si delineano nuovi scenari

Nei due panel nuovi segnali per la politica della danza italiana

22528051_876566602517795_5578252720750419402_n.jpg

GORIZIA Tra il ritmo serrato delle alzate di sipario, in media cinque al giorno, alla NID Platform non potevano però mancare le tavole rotonde. Consueto momento di approfondimento e dibattito che ormai da anni accompagna tutte le edizioni della piattaforma, le conferenze qui tenutesi nelle giornate del 20 e 21 ottobre si sono incentrate su due distinte tematiche, chiamando a raccolta docenti universitari, artisti, direttori di teatri e di fondazioni.

Intitolato La Danza in video, tra grande e piccolo schermo: quali prospettive?, il primo tavolo ha analizzato attraverso diversi punti di vista le potenzialità artistiche e comunicative della danza, ormai protagonista di dirette al cinema e cuore pulsante di archivi e videoteche prestigiose.

Il secondo tavolo svolto per la terza giornata si è raccolto, invece, attorno a un tema forse più incisivo per i vari operatori convenuti. Condotto da Gigi Cristoforetti, direttore della Fondazione Nazionale della Danza/Aterballetto, la discussione ha avuto come argomento: Spazi di programmazione della danza: esperienze italiane e internazionali a confronto.

Attraverso la parola delle direttrici di due grandi teatri di due distinte capitali europee (Claire Verlet, direttrice programmazione danza del Théâtre de la Ville di Parigi, e Natalia Alvarez, direttrice del Teatros del Canal e del Canal Dance Center di Madrid) come di Carlo Fuortes, sovrintendente del Teatro dell'Opera di Roma, e Filippo Fonsatti, direttore Teatro Stabile di Torino-Teatro Nazionale e presidente Federvivo, è stata evidenziata la necessità di lavorare su dinamiche che favoriscano la multidisciplinarietà delle stagioni e l'intersezione tra i pubblici dei diversi linguaggi artistici.

Poter programmare la danza nei teatri di prosa, riuscire ad avere un riconoscimento ministeriale paritetico tra produzioni ballettistiche e operistiche in seno alle fondazioni liriche, riconoscere l'internazionalizzazione delle compagnie con nuovi valori, sono alcuni degli spunti e quesiti sollevati.

Su tutti però le problematiche relative agli spettatori e alla loro formazione culturale sembrano essere il nocciolo della questione. Presente in sala Donatella Ferrante, dirigente Attività di Danza del MiBACT, ha posto infatti l'accento sulla possibilità di presentare al Ministero per ottenere dei finanziamenti proprio progetti di formazione, magari legandoli alla programmazione effettivamente svolta. Con l'auspicio di un futuro in cui la danza possa diventare una sorta di volano per la formazione ai linguaggi del contemporaneo, il tavolo ha concluso considerando necessaria la figura di un “mediatore della danza contemporanea”(Cosa sarebbe?). Peccato che per ragioni di tempo non è seguito dibattito poiché qui la domanda sorge proprio spontanea. Noi critici allora che ci stiamo a fare?

 

 

22/10/2017

Carmelo A. Zapparrata

Stampa l'articolo Torna indietro

Pro e contro

Il Ballo scaligero conquista la Cina

Accoglienze trionfali nel lungo tour per la compagnia e i solisti milanesi

cq5dam.web.738.462.jpg

Conclusa la lunga tournée cinese che ha segnato uno straordinario successo per il Ballo milanese, questa volta capitanato da tutti i talenti della casa. E in questo sta il successo più grande.

continua a leggere...

>

News

A Prato torna un 'classico' del contemporaneo italiano: Otto

La creazione più significativa dei Kinkaleri riproposta al Museo Pecci

otto.jpg

PRATO. Apparso quindici anni fa e diventato subito un grande successo nell'ambito del teatro performativo e di ricerca. OTTO torna ora per ripresentarci ironicamente i suoi eterni interrogativi.

continua a leggere...

>

News

In cucina si danza

Con the Kitchentheory dei Da Cru

thekitchetheory_ph_giovanni_bocchieri_sosp.jpg

ROMA. Debutta stasera al Vascello il nuovo lavoro della Da.Cru Dance Company di Marisa Ragazzo e Omid Ighani.

continua a leggere...

>

News

Silvia Gribaudi a Dimore d'autunno

A Castiglioncello residenze e incontri

silvia_gribaudi_ph_luca_giabardo_300x230.jpg

CASTIGLIONCELLO (LI) Dal 2011 la coreografa e danzatrice Silvia Gribaudi lavora in molte città italiane con donne OVER 60. Un progetto che negli anni si è articolato ed è cresciuto raggiungendo una qualità ed un impatto sociale straordinario. Da qui è nata la volontà di Armunia di radunare tutte le donne over 60 che hanno partecipato negli anni al progetto, nelle diverse regioni italiane dall'1 al 5 ottobre a Castiglioncello.

Continua a leggere...

>