Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

read Danza e Danza International read Danza e Danza International read Danza e Danza International

Pro e contro

Ziya Azazi "Dervish" al Ponchielli

tradizione e modernità

ziya_azazi_dervish_by_kerem_sanliman_9_.jpg

CREMONA Rivolgere lo sguardo alle espressioni di danza tradizionale, sviscerarle, attualizzarle in forme nuove. È una tendenza che ha avuto, per esempio, uno dei suoi momenti importanti con la riproposta dello stile classico indiano kathak rimixato col contemporaneo nei lavori di Akram Khan e Aakash Odedra.

I dervisci rotanti, tuttavia, costituiscono confraternite religiose che nell’esibizione rotatoria rituale esprimono una forma di preghiera. Affrontare questo tema vuol dire calarsi in una atmosfera mistica ispirata alla filosofia sufi, un mondo appartato nel grande universo islamico. Se poi a questo aggiungiamo che il ruotare su se stessi è anche una pratica cui spesso si rivolgono i coreografi contemporanei, per esempio Alessandro Sciarroni, ecco che lo spettacolo “Dervish” di Ziya Azazi, danzatore turco dalla formazione molto articolata, si carica di molteplici interessi.

Perché il performer che si è esibito al Teatro Ponchielli di Cremona, e c’è da sperare sia presto ospite in altri teatri italiani, affronta con intelligenza e profondità il tema.

L’assolo si divide in due parti, e vuole essere un percorso iniziatico verso la conoscenza e la consapevolezza. La prima è intitolata “Azab”, la seconda “Dervisch in progress”.

Se tuttavia vogliamo osservare il lavoro di Azazi da un punto di vista più laico, dobbiamo osservare come le due parti siano anche un modo di avvicinarsi e di successivamente riflettere sulla tecnica rotatoria tradizionale.

Nella prima parte infatti il performer analizza, soppesa gli elementi della danza, afferra e sbandiera le gonne tipiche del costume del derviscio, esprime delle fantasie gestuali intorno ai simboli, arriva quasi alla immobilità, seduto a terra con un fascio di luce che lo illumina dall’alto.

Nella seconda parte eccolo nell’abito tradizionale: gonna ampia e lunga, casacca con i lembi incrociati sul petto di cui si libererà presto. Per chi ama la danza ipnotica dei dervisci questo è il momento più magico perché tutto è concentrato sulla rotazione. Azazi poi poco per volta si libera del costume e le diverse gonne che indossa l’una sull’altra si alzano e volano via dal capo come delle corolle impazzite e che vivono di vita propria. Un movimento sottolineato dal fascino della musica di Mercan Dede dove prevale il suono di una viola e della percussioni.

 

03/03/2017

Sergio Trombetta

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Stampa l'articolo Torna indietro

News

StuttgartBallet@home presents Kylian

On demand from 4th June "One of a Kind"

one_of_a_kind_kacerova_c_stuttgart_ballet.jpg

STUTTGART "One of a Kind" a full-lenght masterpiece entered the repertoire of the Stuttgart Ballet in February 2019 to commemorate the 50th anniversary of Czech choreographer Jiri Kylian on demand from Tursday June 4th to Sunday June 7th on the website and Youtube channel of the Stuttgart Ballet.

Read more...

>

News

Oggi con noi Mara Galeazzi

La nostra videochat in linea

hhni6dcz_400x400.jpg

La nuova protagonista della videochat di Danza&Danza è Mara Galeazzi in conversazione con Silvia Poletti.

Continua a leggere...

>