decathlon
decathlon

Danza&Danza Web

Danza&Danza Web

Intervista

Il neo-modern di Pascal Rioult intorno a Bach

Al Giovanni da Udine l'11 aprile

pr_views_of_the_fleeting_world_photo_by_basil_childers_01.jpg

“Bach è per me l’inizio e la fine di tutta la musica”. Così Pascal Rioult anticipa la sua ultima esplorazione immaginativa, sezione finale della trilogia coreografica su figure di singoli compositori: Serata Bach. E dopo Stravinskij e Ravel, il coreografo normanno attivo a New York da oltre un ventennio torna in Italia (l’11 aprile è al Teatro Nuovo Giovanni da Udine) con un collage di quattro brani dell’intramontabile compositore di Lipsia, interpretati dalla Rioult Dance New York.

Un matrimonio perfetto tra due linguaggi per lui da sempre complementari: “L’apprendistato della composizione mi ha aiutato a diventare un coreografo e un coreografo di forte costruzione architetturale”. Le pièces in scena, realizzate tra il 2008 e il 2015 sono: Views of the Fleeting World, ispirato all’omoni­ma serie di xilografie dell’artista giapponese Hiroshige, su L’arte della fuga; City, sulla Sonata per violino e pianoforte in sol maggiore, Polymorphous, basato su Preludi e Fughe da Il Clavicembalo ben temperato e Celestial Tides, sul Concerto Brandeburghese No. 6 in si bemolle maggiore.

Rioult, la visione del sacro di Bach è una scelta quasi “fisiologica” per un autore del suo calibro?
Sì, certo, fisiologica e psicologica. Bach sembra toccare il cielo avendo i piedi fortemente piantati al suolo – il Mondo – ed è una cosa che cerco di raggiungere nel mio lavoro. La sua musica è trascendentale e ci mette in contatto con il Cosmo del quale siamo allo stesso modo al centro e un’insignificante particella. Sa connetterti con il più intimo e il più universale. È proprio lui che parlava di ‘Music of the Spheres - mysterium harmonicum’. Ma per me Bach è sia sacro che profano ed è così che lo coreografo.

Nel suo linguaggio prevalentemente astratto l’uomo è centralmente saldo?
Sì, l’uomo è sempre il centro. Qualsiasi sia il grado di astrazione, parliamo e pensiamo attraverso la nostra esperienza umana, a cui non possiamo sfuggire ed è una buona cosa. Questa umanità diventa una blood memory (memoria di sangue). La danza e il linguaggio corporeo ne sono una traduzione molto diretta di facile interpretazione. E’ un linguaggio universale. Come dice Kundera:‘Noi non utilizziamo i gesti, i gesti ci utilizzano’.

Quanto della sua cultura di appartenenza, lei è nato in Normandia, resta nel suo lavoro?
Difficile a dirsi. Ma probabilmente il mio amore e bisogno della natura. Come Mahler, cerco sovente di metterla in qualche parte della mia opera.

New York lei l’ha definita capitale della danza. È ancora così ?
Penso di sì, anche se non è più così vero come negli anni ‘70/’80. La danza contemporanea si è evoluta talmente in Europa! La differenza per me è che, seppure europeo, il mio lavoro si iscrive  nella linea della modern dance americana, che ha pochi veri discepoli in Europa. Si potrebbe chiamarla neo-modern, così come Balanchine è un neoclassico.

 

 

08/04/2017

Elisabetta Ceron

Stampa l'articolo Torna indietro

News

Kinkaleri e Jacopo Benassi al Teatro dell'Arte in "No title yet"

29 e 30 maggio il mélange artistico di fotografia e performance

kinkaleri_ph_monica_maggio.jpg

MILANO Arriva al Teatro dell’Arte il nuovo lavoro di Kinkaleri, “raggruppamento di formati e mezzi in bilico nel tentativo” nato a Firenze ventidue anni fa e formazione storica della ricerca in Italia. Il 30 maggio e l'1 giugno alle h.20.

Continua a leggere...

>

News

Ricordando Evgheni Polyakov

all'Institut Français di Roma oggi

11885152_10204819555633171_1569887510084374532_n.jpg

ROMA  Elisabetta Terabust, Alberto Testa e molti altri artisti ricordano oggi a Roma Evgheni Polyakov, il grande maestro moscovita che ha segnato profondamente la storia della danza italiana e dei suoi interpreti.

Continua a leggere...

>

News

Urban Dance Festival on Ciclovia Alpe Adria

urban_festival_1_.jpg

UDINE  Si chiama URBAN DANCE FESTIVAL ON CICLOVIA ALPE ADRIA l’ultima trovata della compagnia di danza contemporanea Arearea che inaugura una nuova idea di esperienza artistica. A fare da contenitore all’iniziativa, la 7° edizione di AreaDanza, il festival urbano che dal 2007 porta la danza contemporanea in spazi non convenzionali come piazze, strade, parchi, e che quest’anno trasformerà le vie e i luoghi dell’AlpeAdria, la ciclabile più premiata d’Europa, in uno spazio performativo, di condivisione e di scoperta. Si parte il 3 giugno da Grado per poi approdare fra luglio e agosto a Aquileia, Udine, Chiusaforte, Villacco e Salisburgo e chiudersi il 2 settembre a Pontebba.

Continua a leggere...

>

News

Focus sulla danza dei Paesi Arabi

Fino a settembre in molte rassegne italiane

guy_nader_v_144.jpg

E' partita ieri da Interplay la serie di appuntamenti con artisti del mondo arabo scelti nell'ambito della Piattaforma Internazionale di Beirut. Ecco i nomi e i progetti

Continua a leggere...

>